Anno 15 | 20 Novembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'Andalusia ha esportato 2,5 miliardi di euro di olio d'oliva

Exploit dell'export di olio d'oliva andaluso dall'ottobre 2016 all'agosto 2017. Quasi 700 mila tonnellate sono andate all'estero. A sorpresa non è Jaen la provincia leader ma Siviglia con 292 mila tonnellate e un miliardo di fatturato

Il valore delle esportazioni di olio d' oliva andaluso tra ottobre 2016 e agosto 2017 è aumentato di quasi il 25% rispetto alla campagna precedente e ha superato i 2,530 miliardi di euro e 673.565 tonnellate di prodotto, contro 2,031 miliardi di euro e 589.309 tonnellate da ottobre 2015 ad agosto 2016.

La provincia di Siviglia è leader nelle vendite internazionali con 1.087,8 milioni di euro (circa 292.000 tonnellate), seguita da Cordoba (412,8 milioni di euro e 153.545 tonnellate), Jaén (290 milioni di euro e 80.086 tonnellate) e Malaga (245 milioni di euro e 97.955 tonnellate). Negli stessi mesi Granada ha esportato 45.540 tonnellate di olio d'oliva per 171 milioni di euro, Almeria 2.936 tonnellate per 3,7 milioni di euro, Huelva 970 tonnellate per 2,3 milioni di euro e Cadice 540 tonnellate di olio d' oliva per 2,1 milioni di euro.

I dati sono stati forniti dal ministro dell'Agricoltura, della Pesca e dello Sviluppo Rurale andaluso, Rodrigo Sánchez Haro, quando ha visitato Oleoestepa, cooperativa di secondo grado composta da 17 frantoi, esempio del successo dell'unione degli sforzi di oltre 5.500 olivicoltori per valorizzare e commercializzare gli oli extra vergini di oliva nella regione di Estepa e Sierra Sur (Siviglia). In totale, l' azienda dedita al confezionamento e alla commercializzazione dell'olio d' oliva ha una superficie totale di 54.000 ettari dedicata agli oliveti e produce una media annua di 30 milioni di chili di olio d'oliva da varietà Hojiblanca, Manzanilla, Picual e Arbequina. Per quanto riguarda il commercio estero, la produzione di Oleoestepa raggiunge praticamente tutti i paesi dell' Unione Europea e anche mercati diversi come la Russia, il Giappone, il Messico o gli Stati Uniti, tra le altre destinazioni internazionali.

di C. S.
pubblicato il 06 novembre 2017 in Tracce > Mondo

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Nuovi oliveti, scatta il totocultivar. Quale scegliere per rispondere alle richieste del mercato?