Anno 16 | 21 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'Università di Bari ha un proprio panel ufficiale per l'olio d'oliva

Riconosciuto ufficialmente, a soli tre mesi dalla costituzione, il primo comitato di assaggio per il controllo e la valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini di un'università del sud Italia. Capo panel Alfredo Marasciulo

l 24 Luglio scorso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, con proprio Decreto Dirigenziale n.4165, ai sensi del DM 18/06/2014, ha concesso il Riconoscimento al Comitato di assaggio professionale dell'Università degli studi di Bari Aldo Moro ai fini della valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini.

Tale riconoscimento, giunge dopo appena tre mesi dalla costituzione del Comitato di Assaggio, grazie alla grande competenza, esperienza e professionalità del responsabile scientifico Prof. Maria Lisa Clodoveo – Dipartimento interdisciplinare di Medicina – del Capo Panel dott. Alfredo Marasciulo e di tutti gli assaggiatori componenti il panel.

La sua istituzione fortemente voluta dal Magnifico Rettore Prof. Antonio Felice Uricchio rientra nell’ambito delle attività promosse dal Centro di Eccellenza di Ateneo per l'Innovazione e la Creatività, presieduto dal Prof. Gianluigi De Gennaro con il supporto tecnico-amministrativo della Dott.ssa Rossana Bray, per rispondere alla esigenza palesata dal mondo produttivo e dai diversi attori della filiera olivicola-olearia pugliese.

Lo scopo della sua istituzione non è meramente limitato alla valutazione dei campioni di olio extravergine di oliva per definirne la classe merceologica, ma rientra in un progetto culturale nato con approccio collaborativo con le associazioni di produttori e le singole aziende per declinare le attività del Gruppo Panel nelle tre missioni che l’Università moderna si trova ad affrontare.

Sul piano della prima missione, didattica e formazione, il comitato di assaggio per il controllo e la valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro supporterà la formazione di assaggiatori di olio professionisti, organizzando corsi di idoneità fisiologica agll'assaggio degli oli di oliva vergini e sedute di assaggio certificate, indirizzati primariamente agli studenti universitari che in questo modo arriveranno alla laurea con ulteriori competenze certificate e riconosciute, ma anche agli esterni, contribuendo a creare una comunità di professionisti esperti e in grado di generare una robusta cultura dell’olio extravergine di qualità in Puglia, grazie anche alla collaborazione con enti pubblici e privati che già realizzano e hanno realizzato corsi sul territorio.

Sul piano della seconda missione, ricerca, il comitato di assaggio per il controllo e la valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro si propone come luogo di contaminazione per il superamento delle barriere tra le discipline e la creazione di un sapere organico nell’ambito del quale l’analisi sensoriale e la dimensione percettiva diventano elementi di unione a servizio di discipline scientifiche ed umanistiche. Inoltre, coniugando le competenze tecnico analitiche dei docenti partecipanti, in particolare della Prof. Filomena Corbo esperta di nutraceutica, con l’esperienza nel settore della valutazione sensoriale del Capo Panel, Dott. Alfredo Marasciulo, il comitato di assaggio si propone di sviluppare innovazioni nel settore dell’analisi sensoriale che permettano una valutazione descrittiva degli oli di oliva vergini che diventi uno standard da utilizzare nelle attività di ricerca e da validare con i partner di ricerca internazionali che operano sul tema, oltre che dialogare con i policy maker a livello europeo e mondiale.

Sul piano della terza missione, il contributo degli atenei al tessuto sociale ed economico della società, il comitato di assaggio per il controllo e la valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro si pone a servizio del territorio e delle aziende, per dall'individuazione, anche attraverso l'analisi sensoriale, delle fasi critiche del processo di produzione / raccolta / trasformazione / stoccaggio, nell’ottica del miglioramento continuo della qualità del prodotto anche sotto il profilo nutrizionale e salutistico.

di C. S.
pubblicato il 11 ottobre 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!