Anno 16 | 21 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Zucchero nel Prosecco, sequestrati quasi 7 mila ettolitri

Controlli in due aziende del trevigiano, produttrici di Prosecco, con la scoperta dell'adulterazione del vino con zucchero per aumentare il grado alcolico. Il valore dei prodotti vinosi, dei vasi vinari e dello zucchero sequestrati ammonta a circa 3 milioni di euro

I Carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità (Nas) di Treviso hanno avviato i controlli sulla campagna di vinificazione 2018, procedendo all’ispezione di due aziende vitivinicole del Trevigiano. Si tratterebbe di due cantine dell'Alta Marca, produttrici di Prosecco.

Nel corso degli accertamenti in una delle due aziende i Carabinieri hanno proceduto al sequestro amministrativo di 440 ettolitri di mosto e vino nuovo Docg in fermentazione, non assunti in carico sul prescritto registro, 1.000 chilogrammi circa di zucchero di provenienza estera, rinvenuti dai militari all’interno di un ricovero per attrezzi dell’azienda, su un bancale che conteneva 40 sacchi da 25 chili ciascuno, privi delle prescritte indicazioni atte a stabilirne la tracciabilità, 12 vasi vinari, contenenti 1.040 ettolitri di prodotti vinosi che non erano stati comunicati al competente Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf), nonché 30 chili circa di acido tartarico e 3 litri di acido solforico, la cui detenzione è vietata nelle cantine vitivinicole.

Nella seconda azienda il Nas ha sottoposto a sequestro amministrativo 6.300 ettolitri circa di vino nuovo Docg in fermentazione, non assunti in carico sul prescritto registro; 1.000 kg circa di zucchero di provenienza estera, anch’esso senza le indicazioni necessarie a garantirne la tracciabilità, trovati nascosti all’interno di un veicolo aziendale parcheggiato nel fondo agricolo annesso alla ditta ed ulteriori due sacchi vuoti da 50 chili che contenevano zucchero già impiegato nella lavorazione per aumentare la gradazione del vino in fermentazione.

Il valore dei prodotti vinosi, dei vasi vinari e dello zucchero sequestrati ammonta a circa 3 milioni di euro messi a disposizione del competente dell’Icqrg immediatamente informato dell’esito dei controlli per l’adozione dei provvedimenti di competenza.

di C. S.
pubblicato il 01 ottobre 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!