Anno 16 | 24 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

I futuri dottori agronomi si confrontano sull'olio extra vergine d'oliva di eccellenza

Sono 15 gli Istituti Agrari che hanno superato le selezioni di Oli d'Italia. Il premio in palio consiste nella pubblicazione delle schede degli Istituti e delle recensioni degli extravergine testati e ritenuti idonei, sul numero di giugno 2018 del mensile Gambero Rosso

Giunge alla sua V° edizione il Premio Diploma d'Argento, progettato da Pandolea – Associazione Donne dell'Olio e condiviso da Gambero Rosso che ne è diventato partner.
Partecipano al concorso oleario gli Istituti Agrari che hanno tra le loro attività agricole anche la coltivazione e lavorazione delle olive e che imbottigliano ed etichettano gli extravergine prodotti dai professori insieme ai ragazzi.

Obiettivo del Premio Diploma d'Argento è quello di stimolare la consapevolezza dei futuri agronomi verso un prodotto così prezioso e difficile da lavorare a regola d'arte come la spremuta di olive, oltre all'esperienza di confrontarsi tra diverse realtà e istituti e di partecipare a un vero e proprio esame che il panel di degustazione – formato per la selezione degli extravergine che entrano nella guida Oli d'Italia del Gambero Rosso – conduce sui prodotti presentati dagli istituti.

Quest'anno sono ben 15 gli Istituti Agrari da tutt'Italia che con le loro etichette hanno superato le selezioni

"La mission di Pandolea è quella di stimolare e aumentare la conoscenza e la sensibilità verso l'olio extravergine di oliva da parte dei ragazzi, a partire dalle scuole primarie per finire agli Istituti di formazione superiore" afferma Loriana Abbruzzetti, Presidente dell'associazione Pandolea.

"Il Gambero Rosso – spiega Stefano Polacchi, curatore di Oli d'Italia – ha accolto positivamente l'idea di una partnership perché ritiene fondamentale formare le coscienze dei futuri gourmet e dei futuri produttori di olio extravergine, base importante per la valorizzazione e la qualità del made in Italy".

Partner dell'iniziativa anche la Rete Nazionale Istituti Agrari (Re.N.IS.A.): "È un'occasione unica – spiega la professoressa Patrizia Marini, presidente dell'associazione – poter far valutare il nostro lavoro da specialisti e confrontarci con loro: è un momento di crescita per i ragazzi e anche per i professori, i quali possono vivere un'esperienza concreta di contatto con il mondo della produzione e della comunicazione, dal vivo".

Il premio in palio consiste nella pubblicazione delle schede degli Istituti e delle recensioni degli extravergine testati e ritenuti idonei, sul numero di giugno 2018 del mensile Gambero Rosso: come gli oli d'Italia che vengono votati e recensiti nella rubrica Extravergine del mensile. Ai partecipanti che superano le selezioni viene consegnato un attestato di partecipazione ed ai primi tre oli extravergine di oliva classificati viene consegnato il Diploma d'Argento 2018.

La presentazione degli extravergine selezionati e dei vincitori del Premio Diploma d'Argento, aperta alla stampa e agli appassionati e interessati, è prevista per:
Venerdì 20 aprile ore 10.30
a Roma via XX Settembre, n. 20
presso il Ministero dell'Agricoltura (MIPAAF) Sala Cavour (Parlamentino)
Intervengono alla presentazione, insieme agli studenti e ai professori degli Istituti Agrari:
Felice Assenza, Direttore Generale MIPAAF
Loriana Abbruzzetti, presidente di Pandolea
Patrizia Marini, presidente Rete Nazionale Istituti Agrari Re.N.IS.A.
Stefano Polacchi, caporedattore Gambero Rosso e curatore Oli d'Italia
Indra Galbo, vice-curatore Oli d'Italia del Gambero Rosso

Prevista anche una piccola degustazione guidata degli oli extravergine di oliva in concorso.

di C. S.
pubblicato il 13 aprile 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!