Anno 16 | 13 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Debutta Olearia, la rete museale dell'olio e dell'oliva del Mediterraneo

Nel corso di RotOlio importanti momenti di approfondimento e presentazione di significative iniziative culturali. E' emersa la necessità di impiegare più risorse per la promozione, per la ricerca, la sperimentazione e nell’assistenza tecnica a favore della Sicilia olivicola

Si è conclusa l’edizione 2018 di RotOlio promossa e curata dal Rotary Club di Castelvetrano - Valle del Belice. Attività questa ricadente tra le iniziative di service proprie del sodalizio all’insegna della promozione delle eccellenze del territorio al fine della valorizzazione delle produzioni tipiche.

La manifestazione, tenutasi nei giorni del 6 e del 7 aprile nei locali de "L'Arte del Gusto - Villa Paola" (location accuratamente scelta per la massiccia presenza di uliveti), ha avuto come tema centrale la promozione e la valorizzazione della Nocellara del Belìce e gli appuntamenti della "due giorni rotariana" - importanti per numero e contenuto - hanno suscitato tanto interesse da far registrare un’altissima presenza di esperti del settore, professionisti e curiosi.

L’evento - organizzato con il patrocinio della Presidenza della Regione Sicilia, dell'Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia, dei Comuni di Castelvetrano, Campobello di Mazara, Partanna e Santa Ninfa – è stato sostenuto dalla Agenzia delle Dogane di Palermo, dalla Rotta dei Fenici Itinerario Internazionale del Consiglio d'Europa,  da Slow Food Condotta di Trapani e dalla fellowship Rotarian Gourmet. Importante il contributo fornito alla manifestazione dall'Unione Italiana Fotoamatori che per l’occasione ha realizzato la mostra fotografica "L'oli...vo".

Obiettivo di RotOlio 2018 - dice il Presidente del Club Maria Rosa Barone - "è stato quello di indurre i consumatori ed i produttori ad una seria riflessione sulle modalità di valorizzazione e promozione della coltivazione dell'olivo". Tutto questo è stato fatto durante i lavori - continua il Presidente - "trattando sulla base di seri ed autorevoli interventi tutte le possibilità di sviluppo di una filiera che gravita intorno proprio alla coltivazione dell'olivo: dalle implicazioni salutistiche e nutraceutiche dell’olio extravergine, al marketing territoriale, al packaging , alle nanotecnologie, allo sviluppo di laboratori chimico - sensoriali fino ad arrivare all’aspetto storico-museale e al turismo rurale e oleario. Il nostro areale di produzione e l’olio di Nocellara del Belìce, opportunamente organizzati e promossi, per come è stato sottolineato dagli esperti - conclude la Barone – hanno potenzialità di crescita e sviluppo analoghe a quella che hanno avuto i vini della zona della Champagne francese.

Durante i lavori del convegno è emersa la necessità di impiegare più risorse per la promozione, per la ricerca , la sperimentazione e nell’assistenza tecnica; fattori determinanti per una sviluppo organico del comparto.

Grande la soddisfazione di tutto il Club Rotary di Castelvetrano per la riuscita dell'evento.

A conferma del buon esito gli apprezzamenti dei numerosissimi partecipanti al convegno, dei relatori provenienti dai molteplici ambiti professionali presenti alla manifestazione, dei rappresentanti delle istituzioni locali e regionali, dei giornalisti, degli esperti di marketing, degli archeologi e degli storici, oltre che degli esperti del mondo accademico in ambito medico e del design, dei chimici e degli esperti del mondo dell'olivicoltura e della pesca. "Grazie a loro – dice il Presidente Barone -  si è riusciti a registrare un eccellente livello di professionalità e competenza tale da determinare l'altissimo valore del progetto".

Importante segnalare inoltre che nel corso di RotOlio 2018 sono state lanciate due significative iniziative: la “Guida agli Extravergini d'Italia 2018” di Slow Food e “Olearia - la rete museale dell'olio e dell'oliva del Mediterraneo” a cura della Rotta dei Fenici.Per l’occasione, con il contributo di alcune aziende locali, è stato confezionato dell’olio, in edizione unica e limitata, ottenuto da una selezione speciale di oli di Nocellara del Belìce in purezza. Con l’auspicio che le bottiglie, con packaging particolare, possano essere ambasciatrici delle eccellenze del territorio belicino. Il ricavato sarà destinato dal Rotary ad attività benefiche.

di Leo Prinzivalli
pubblicato il 11 aprile 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!