Anno 16 | 16 Luglio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Ercole Olivario 2018: sul podio Sardegna seguita da Lazio e Puglia

Chiusa la XXVI edizione del concorso nazionale per la valorizzazione delle eccellenze olearie territoriali italiane. Quest'anno, in collaborazione con l'Ice, si punta alla Russia con giornalisti e blogger russi specializzati in food e viaggi, che hanno potuto seguire le fasi finali del concorso

Sono dei veri campioni d’Italia gli oli premiati oggi a Perugia dall’Ercole Olivario, il prestigioso concorso nazionale dedicato alle eccellenze olivicole del territorio, giunto alla XXVI edizione e indetto dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio, curato dalla Camera di Commercio di Perugia e sostenuto dal Sistema Camerale Nazionale, delle associazioni dei produttori olivicoli, degli enti e delle istituzioni impegnate nella valorizzazione dell’olio di qualità nazionale. Sette le regioni salite sul podio della competizione, che ha visto complessivamente in gara 17 regioni con 237 etichette, di cui 100 finaliste: in testa la Sardegna con 5 premi assegnati, seguita al secondo posto da Lazio e Puglia con 3 premi ciascuna, a seguire Umbria, Toscana, Trentino e Abruzzo con 1 riconoscimento ciascuno.

Dodici in tutto i migliori oli italiani che - secondo i 17 assaggiatori della giuria guidata dal capo panel Angela Canale - hanno meritato i primi due posti nelle graduatorie finali delle due categorie previste dal concorso (DOP/IGP e EXTRAVERGINE), per le tipologie fruttato leggero, medio e intenso.

La cerimonia di premiazione si è svolta presso l’aula magna dell’Università per Stranieri, alla presenza di Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia e presidente del comitato Nazionale Ercole Olivario, Giovanni Paciullo, magnifico rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, Maurizio Servili, docente ordinario di Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università degli Studi di Perugia, che per l’occasione ha tenuto una Lectio Magistralis sul tema ‘Biodiversità nella qualità degli oli italiani e temperature nel processo di estrazione’.

Alla cerimonia coordinata dal giornalista Maurizio Pescari, esperto di olio, erano presenti, oltre i rappresentanti del sistema camerale e le autorità locali, il Presidente delle Città di Olio e delle Strade del Vino, dell’Olio e dei sapori, i giornalisti provenienti dalla Russia, la giuria dell’edizione 2018 insieme ad un numeroso pubblico di produttori proveniente da tutta Italia.

“Ventisei anni fa abbiamo dato vita a questa prestigiosa competizione con le idee ben chiare - ha dichiarato Giorgio Mencaroni, Presidente del Comitato Ercole Olivario - cioè mappare le eccellenze olearie dei tanti bei territori della penisola e riconoscere il giusto valore agli operatori del settore, promotori di un costante miglioramento qualitativo, e agli assaggiatori professionisti, impegnati nella valorizzazione dell’olio extravergine italiano dentro e fuori dai confini nazionali. Dal 1993 portiamo avanti questi obiettivi, consapevoli che il nostro patrimonio olivicolo è un unicum da salvaguardare e promuovere in ogni sua sfaccettatura. In questo senso, continueremo quindi a svolgere il ruolo di ambasciatori della qualità, esaltando gli alti standard olfattivo-gustativi di cui i nostri oli sono capaci, come dimostra la premiazione di oggi che ancora una volta ne è autentica espressione. A loro spetta il merito di rappresentare uno dei fiori all’occhiello del made in Italy nel mondo".

Si inserisce in un’ottica di promozione internazionale la collaborazione con l’Ice che quest’anno punta in particolare alla Russia con una serie di azioni dedicate all’incoming e all’organizzazione di iniziative in questo Paese. La cerimonia di oggi ha ospitato infatti giornalisti e blogger russi specializzati in food e viaggi, che hanno potuto seguire le fasi finali del concorso: Roman Loshmanov, capo redattore di Eda.ru; Sergey Apresov, capo redattore del mensile Vokrug Sveta; Antonina Kachalova, redattrice del mensile Gastronom; Daria Tsvetkova, corrispondente del periodico Prod&Prod. E mentre ci si prepara a sbarcare il 7 giugno a Mosca per il primo evento promozionale al fianco dell’Ice, i vincitori delle varie categorie saranno intanto presentati al Sol di Verona.

Di seguito l’elenco completo di tutti i premi assegnati dalla XXVI edizione dell’Ercole Olivario:

Categoria OLIO EXTRAVERGINE DOP

DOP FRUTTATO LEGGERO

1 CLASSIFICATO

Olio extravergine DOP Aprutino Pescarese

Azienda Agricola Di Giacomo Sandro di Pianella-Pescara- ABRUZZO

2 CLASSIFICATO
Olio extravergine DOP GARDA TRENTINO - Uliva

Azienda Agraria Riva del Garda “Frantoio di Riva“ di Riva del Garda – Trento TRENTINO


DOP FRUTTATO MEDIO

1 CLASSIFICATO

Olio extravergine IGP Toscano

Azienda Frantoio Franci di Montenero D’Orcia – Grosseto -TOSCANA

2 CLASSIFICATO

Olio extravergine DOP UMBRIA COLLI DEL TRASIMENO

Azienda Batta Giovanni di Perugia - UMBRIA

 

DOP FRUTTATO INTENSO

1 CLASSIFICATO

Olio extravergine DOP Colline Pontine

Azienda Agricola Alfredo Cetrone di Sonnino – Latina – LAZIO

2 CLASSIFICATO

Olio extravergine DOP Terre di Bari

Azienda Agricola De Carlo di Bitritto – Bari - PUGLIA

 

OLIO EXTRAVERGINE

FRUTTATO LEGGERO

1 CLASSIFICATO

Olio extravergine Vantu Bio

Azienda Nuovo Oleificio di Sandro Chisu di Orosei – Nuoro SARDEGNA

2 CLASSIFICATO

Olio extravergine- Senolio

Azienda Oleificio Sociale di Seneghe di Seneghe– Oristano - SARDEGNA

 

FRUTTATO MEDIO

1 CLASSIFICATO

Olio extravergine - Ilio

Azienda Olivicoltori Oliena di Oliena – Nuoro- SARDEGNA

2 CLASSIFICATO

Olio extravergine - Lucia Di Meo Valori

Azienda Agricola Valentina Lorizzo di Trani – Barletta/Andria/Trani -PUGLIA

 

FRUTTATO INTENSO

1 CLASSIFICATO

Olio Extravergine - Olivastro

Az. Agricola Biologica Quattrociocchi Americo di Alatri, Frosinone - LAZIO

2 CLASSIFICATO

Olio extravergine - Intenso

Azienda Santina delle Fate di Sonnino- Latina - LAZIO

 

MENZIONE SPECIALE PER L’OLIO BIOLOGICO

Olio extravergine - Vantu Bio

Nuovo Oleificio di Sandro Chisu di Orosei – Nuoro- SARDEGNA

 

PREMIO IL CORAGGIO DI FARE NUOVE IMPRESE AGRICOLE

Olivicoltori Oliena di Oliena – Nuoro - SARDEGNA


PREMIO LEKYTHOS (alla personalità che si impegna nella diffusione della conoscenza dell’olio di qualità italiana in Italia e all’estero) assegnato allo chef Marco Gubbiotti


AMPHORA OLEARIA

Azienda Intini Srl – Alberobello - PUGLIA

Per l’elegante immagine complessiva che valorizza e impreziosisce il prodotto con una comunicazione essenziale e diretta delle sue caratteristiche che dà valore all’agricoltura biologica alla base del progetto e al brand del produttore.

di C. S.
pubblicato il 09 aprile 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

L'ultima fake news nel mondo dell'extra vergine d'oliva: le api fanno l'olio

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Tocca a voi, a nessun altro