Anno 16 | 24 Giugno 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

La folle passione per la Doc Sicilia

Più di dieci milioni di bottiglie pronte per la vendita nei primi due mesi del 2018. Il numero di aziende imbottigliatrici di etichette Doc Sicilia è già salito a quota 182 contro le 147 di fine 2017.

Un aumento del 124 per cento di ‎vino imbottigliato sotto le insegne della Doc Sicilia rispetto ai primi due mesi dello scorso anno. Una crescita costante del numero di aziende che imbottigliano le diverse varietà di vini con etichetta Doc Sicilia.

“Questi dati di incremento non ci sorprendono e confermano l’interesse delle aziende alla Doc Sicilia” commenta Antonio Rallo, Presidente del Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia. “Un elemento importante è che nei primi due mesi del 2018 crescono tutte le altre Doc siciliane a conferma che, come in tutto il resto d’Italia, si punta sempre più ad un sistema di denominazione che garantisce più qualità e più controlli in tutta la filiera sia in Italia sia all’estero” conclude Rallo.

Questi primi dati del 2018 fotografano l'exploit - certificato in parte dall'Irvo e nel suo complesso dal Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia - in termini di numeri e di qualità dei vini siciliani che scelgono di aderire alla Denominazione di Origine Controllata Sicilia. Risultati positivi raggiunti anche grazie alla decisione di viticoltori e produttori di consentire l'imbottigliamento di Grillo e Nero d'Avola sotto le insegne della Doc Sicilia, vitigni che hanno partecipato alla crescita delle diverse tipologie di vini della Denominazione di Origine Controllata Sicilia.

“Questi numeri sostengono azioni di vigilanza e promozione avviate già da alcuni anni che ora cominciano a dare i loro frutti” aggiunge Maurizio Lunetta, direttore del Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia. “In questi giorni è stato avviato per il quarto anno consecutivo un progetto promozionale della Doc Sicilia in Usa e nel 2018 raddoppieremo l’investimento in promozione in Italia e in Germania. L’obiettivo è far parlare di vino siciliano e dare ampio spazio alle diverse espressioni vitivinicole della nostra isola che rappresenta un vero e proprio continente. Queste attività sostengono il territorio ma soprattutto sono a fianco dei produttori che credono nel brand Sicilia sia in Italia ma soprattutto all’estero. L’importanza di fare rete diventa vitale in particolar modo nei mercati considerati maturi come gli USA dove la Doc Sicilia ha registrato un incremento notevole delle vendite”.

Nei primi due mesi del 2018 l'imbottigliato Doc Sicilia ha raggiunto il numero di 10.388.364 bottiglie (da 0,75) pari a 77.912 ettolitri. Nello stesso periodo del 2017 le aziende avevano raggiunto la cifra di 4.633.452 bottiglie pari a 34.750 ettolitri. Le stime di crescita lasciano quindi prevedere, per tutto il 2018, un imbottigliato di 60 milioni di bottiglie contro i 29,5 milioni raggiunto l'anno scorso.

Dall'inizio del 2018, inoltre, il numero di aziende imbottigliatrici di etichette Doc Sicilia è già salito a quota 182 contro le 147 di fine 2017.

Gli incrementi si hanno anche sul numero di viticoltori e sulla superficie rivendicata. Nella vendemmia 2016 il numero di viticoltori rivendicanti sono stati 3.245, nella vendemmia 2017 sono saliti a 7.293. La superficie rivendicata è raddoppiata: si è passati da un dato di 10.695 ettari nel 2016 a quello di 21.436 nella vendemmia 2017.

di C. S.
pubblicato il 08 marzo 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

L'ultima fake news nel mondo dell'extra vergine d'oliva: le api fanno l'olio

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Tocca a voi, a nessun altro

Crollo del prezzo dell'olio di oliva? Non succede ma se succede...