Anno 16 | 14 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Debutto nazionale dell'Oleoteca Ligure a Olio Capitale

La presenza alla manifestazione triestina si inquadra nel progetto di valorizzazione dell’Olio di Liguria per la diffusione dell’agroalimentare di qualità e la promozione delle tipicità locali

L’Oleoteca Ligure protagonista dal 3 al 6 marzo a Trieste nell’ambito di “Olio Capitale” vetrina di eccellenza per la promozione e la valorizzazione degli oli extravergini di qualità.

La presenza a Trieste per “Olio Capitale” rappresenta un’opportunità straordinaria per far conoscere le aziende del territorio ligure e far crescere il progetto di valorizzazione dell’Olio di Liguria per la diffusione dell’agroalimentare di qualità e la promozione delle tipicità locali.

“Presso lo stand di “Olio Capitale” – sottolinea Enrico Lupi – metteremo in vetrina non soltanto la produzione di qualità delle nostre imprese ma svolgeremo un’attività di promotion e animazione con corsi di assaggio, degustazioni e altre interessanti iniziative. Fondamentali saranno poi gli incontri con giornalisti, buyers internazionali, operatori professionisti e ristoratori internazionali sempre più attenti alle specificità dell’olio extravergine”.

L’ONAOO (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio d’Oliva), prima scuola al mondo per la formazione e la ricerca scientifica su tutte le varietà del prodotto, sarà presente nello stand dell’Oleoteca Ligure con i propri esperti sabato 3 e domenica 4 marzo alle ore 16 e lunedì 5 marzo alle ore 10 e alle 16.

“Di grande interesse – aggiunge il presidente dell’Oleoteca Ligure - il tradizionale convegno di apertura della rassegna “Olio Capitale” quest’anno dedicato alla trasparenza e alla tracciabilità scientifica della filiera dell’olio. Un tema estremamente attuale e delicato che apre prospettive e riflessioni nuove all’intero comparto olivicolo”.

Della governance dell’Oleoteca fanno parte il vicepresidente Gianfranco Croese (Cia), Paolo Anselmi (Alo), Federico Fresia (Aifo) Germano Gadina (Cciaa Genova)) e Agostino Sommariva (Cciaa Savona).

La mission punta ad allargare la conoscenza delle eccellenze dell’ olio di oliva regionale con particolare attenzione agli oli Dop a denominazione di origine protetta, agli extravergini ottenuti con metodi di agricoltura biologica e integrata, ai prodotti derivati dalla lavorazione delle olive.

“L’Oleoteca Ligure – conclude Enrico Lupi – deve diventare motore di crescita e sviluppo economico per l’intero comparto olivicolo. In pratica un soggetto privilegiato attorno al quale concentrare risorse, attività e mezzi per condividere e attuare una più efficace azione di valorizzazione e di promozione degli oli liguri e dei prodotti derivati, come ad esempio le olive in salamoia, i patè d’oliva con l’obiettivo di realizzare uno strumento operativo a sostegno del marketing territoriale dei “prodotti” di eccellenza tipici e di qualità, legati alla Liguria”.

di C. S.
pubblicato il 15 febbraio 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!