Anno 16 | 18 Febbraio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Chiamati a raccolta i migliori oli d'oliva toscani per la selezione 2018

La Selezione è dedicata agli oli extra vergine di oliva della Toscana, prodotti da imprese che abbiano sede produttiva in Toscana, certificati DOP e IGP. Chiusura delle iscrizioni il 31 gennaio

E' cominciato il cammino di scelta dei migliori oli di Toscana. Si sono infatti ufficialmente aperte le iscrizioni alla selezione oli extravergine di oliva della Toscana Dop e Igp 2018. La Selezione si propone di evidenziare la migliore produzione olearia toscana, allo scopo di utilizzarla in azioni promozionali economiche e di immagine, in Italia e all'estero, e, nel contempo, premiare e stimolare lo sforzo delle imprese olivicole al continuo miglioramento della qualità del prodotto.

La Selezione è dedicata agli oli extra vergine di oliva della Toscana, prodotti da imprese che abbiano sede produttiva in Toscana, certificati DOP e IGP; ed è riservata a organizzazioni di produttori riconosciute, aggregazioni di imprese (escluso consorzi o associazioni rappresentanti; e ad imprese singole del settore olivicolo. La partecipazione alla Selezione è gratuita; ogni operatore potrà presentare fino ad un massimo di 2 oli.

Dopo la chiusura delle iscrizioni (prevista il 31 gennaio) un'apposita e qualificata Commissione re­gionale di assaggio composta da tecnici assaggiatori di olio decreterà quali sono i migliori oli extravergine di oliva DOP e IGP della campagna olearia 2017/2018.

Il bando per la partecipazione alla selezione è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 48 del 29 novembre 2017.

di C. S.
pubblicato il 05 dicembre 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione

Lavorare gratis per la pubblica amministrazione e pagare le tasse. E' questo il destino dei professionisti italiani?