Anno 15 | 20 Novembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Biologico, olio d'oliva e conserve nel mirino dei carabinieri del Nas

Farine di farro e lupino sequestrate a Ferrara. Sospesa l'attività di due laboratori di confezionamento di conserve e imbottigliamento di olio di oliva per mancanza dei requisiti igienico-sanitari e strutturali dei locali a Latina

Continuano senza sosta i controlli al settore alimentare: i Carabinieri del NAS di Bologna, nel corso di un’ispezione ad uno stabilimento della provincia di Ferrara, hanno sottoposto a sequestro sanitario oltre 1600 kg di farine di farro e lupino asseritamente dichiarate di produzione biologica - per un valore di circa 5 mila euro - prive del termine minimo di conservazione e di ignota provenienza per mancanza di documentazione atta a garantirne la tracciabilità. Per le condotte illecite i militari sanzionavano il responsabile per 2 mila euro.

Il NAS di Latina ha provveduto invece a sospendere l’attività di due laboratori di confezionamento di conserve e imbottigliamento di olio di oliva per mancanza dei requisiti igienico-sanitari e strutturali dei locali di lavorazione, preparazione e deposito dei semilavorati. Le aziende rimarranno chiuse fino al ripristino delle condizioni di legge.

di C. S.
pubblicato il 07 novembre 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Nuovi oliveti, scatta il totocultivar. Quale scegliere per rispondere alle richieste del mercato?