Anno 15 | 26 Settembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro acquista lo storico marchio De Rica

Dai produttori alla tavola. Il Consorzsio che riunisce centinaia di produttori di pomodori, proprietario del marchio Pomì, ha fortemente voluto che il brand De Rica restasse in Italia. Ora il Consorzio è leader nel segmento premium del mercato delle conserve vegetali

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro, leader in Italia nella coltivazione, produzione e trasformazione del pomodoro, e Generale Conserve S.p.A., azienda italiana specializzata in conserve alimentari, comunicano che nei giorni scorsi è stato siglato l’accordo definitivo per l'acquisto del marchio De Rica da parte di Casalasco.

Il Consorzio Casalasco è la prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione di derivati del pomodoro, con un fatturato di 230 milioni di euro, oggi conta 370 aziende agricole associate che coltivano 7.000 ettari di terreno dislocati nella pianura Padana tra le province di Cremona (dove ha sede a Rivarolo del Re), Parma, Piacenza e Mantova. Una terra che oggi permette alle 550.000 tonnellate di pomodoro fresco raccolto di essere trasformato nei 3 stabilimenti di proprietà della cooperativa in prodotti esportati in 60 Paesi nel mondo.

De Rica, storico marchio italiano, è da sempre sinonimo di prodotti naturali, genuini e di alta qualità, e grazie anche al rilancio avviato a fine 2013 da parte di Generale Conserve, gode di grande notorietà e copertura distributiva in Italia come in vari Paesi esteri, collocandosi nel segmento premium del mercato delle conserve vegetali.

Grazie all’accordo tra le due Aziende, l’acquisizione garantisce che De Rica resti in Italia. L’operazione riporta il rinomato brand nella sua zona originaria di produzione e decreta il passaggio di un altro importante marchio italiano direttamente in mano al mondo agricolo cooperativo, espressione di una filiera tutta italiana con un forte legame col proprio territorio d’origine.

di C. S.
pubblicato il 04 settembre 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Troppo gossip nel mondo dell'olio d'oliva italiano