Anno 15 | 25 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Click day per il bonus asilo nilo da 1000 euro

C'è tempo fino al 31 dicembre prossimo, ma fino ad esaurimento fondi, per presentare domanda per il contributo da 1000 euro, previsto nel bonus asilo nido.

Ne beneficieranno le famiglie con bambini nati o adottati/affidati dal 1 gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette relative alla loro frequenza in asili nido pubblici e privati autorizzati ma anche famiglie con bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari.

La domanda potrà essere presentata via web ai Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino attraverso il portale dell'Istituto, tramite Pin dispositivo, Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid o Carta Nazionale dei Servizi (Cns); attraverso il Contact Center Integrato al numero verde 803.164, numero gratuito da rete fissa, o numero 06164.164, numero da rete mobile con tariffazione a carico dell'utenza chiamante. La domanda potrà essere presentata anche mediante Enti di Patronato, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Il bonus, che consiste in un contributo di 1.000 euro, avverrà con cadenza mensile e sarà parametrato in 11 mensilità per quanto concerne la frequenza dell'asilo nido e in unica soluzione per il supporto domiciliare. Trattandosi di norma di prima applicazione, segnala infine l'Inps, il primo pagamento comprenderà l'importo delle mensilità documentate sino a quel momento maturate. A partire dal mese successivo a quello di rilascio della procedura, il pagamento avrà cadenza mensile.

I benefici per l'anno 2017 sono riconosciuti nel limite complessivo di 144 milioni di euro con oneri a carico del bilancio dello Stato.

di C. S.
pubblicato il 17 luglio 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva