Anno 15 | 25 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Olio di semi con clorofilla spacciato come olio extra vergine di oliva, una truffa che non muore mai

I Nas a Roma hanno scoperto un ristorante a Campo dei Fiori dove veniva servito olio di semi colorato con clorofilla spacciandolo per extra vergine. Controllata dai Nas l'area della movida romana. Molte le irregolarità contestate

I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, gli uomini della Compagnia Roma Centro hanno avviato una campagna di controllo nell'area della movida romana, rilevando e contestando diverse irregolarità.

Tra queste quella di olio di semi colorato con clorofilla spacciato per extra vergine da un ristoratore nella centralissima piazza di Campo dei Fiori.

I carabinieri hanno sequestrato cautelativamente, 170 litri di olio extravergine d’oliva, in bottiglie da un litro, presumibilmente contraffatto, e costituito da olio di semi colorato con clorofilla. Il titolare dell’esercizio commerciale, un cittadino romeno, di 48 anni, è stato denunciato per vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine e sanzionato amministrativamente per un importo di 4000 mila euro.

L'operazione è scattata sabato sera, nel pieno della movida e in un periodo di forte flusso turistico.

A un cittadino del Bangladesh, titolare di un altro esercizio commerciale, è stata contestata la vendita di prodotti alimentari sprovvisti di etichettatura in lingua italiana,con sanzione per un importo di 3000 €.

Per tutte le attività commerciali sono stati proposti dei provvedimenti di chiusura/sospensione delle attività, che verranno adottati dalle competenti autorità amministrative.

In alcuni casi i militari hanno verificato la mancanza di piani HACCP.

I controlli sono stati volti a contrastare ogni forma di degrado e illegalità commerciale, fenomeni che recano un danno d’immagine enorme alla Capitale, in un periodo di massima attrattiva turistica.

di C. S.
pubblicato il 17 luglio 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva