Anno 15 | 25 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Debutto per la carta degli oli extra vergini d'oliva "Salento d'amare"

Marchio collettivo istituito dalla Provincia di Lecce, oggi lancia anche dodici oli a denominazione di origine e biologici per inserirli nella ristorazione di qualità del territorio. Secondo le intenzioni, il ristoratore potrà così costruire un percorso guidato, per informare e per proporre l’abbinamento più indicato

Nasce la prima Carta degli Oli a marchio Salento D’Amare.

Il marchio “Salento D’Amare”, istituito dalla Provincia di Lecce nei primi anni del 2000, è oggi brand noto e identificativo del territorio salentino.

Nato inizialmente come elemento grafico per garantire riconoscibilità degli eventi organizzati dalla Provincia, oggi il marchio “Salento d’amare” è uno strumento di promozione territoriale. Oltre a caratterizzarsi per l’indicazione dell’area geografica, rappresenta un utile strumento per distinguere e differenziare, sul mercato, un paniere di prodotti e di servizi di imprese plurisettoriali, ponendosi a garanzia della qualità e dei caratteri di eccellenza dell’azienda che lo impiega, e diventandone oggetto di promozione e soggetto promotore al tempo stesso, nell’ottica della costruzione di un sistema territoriale locale di qualità.

Nella logica della valorizzazione dei prodotti locali e con la finalità di indirizzare il cliente verso un consumo consapevole e di qualità, nasce oggi la prima Carta degli Oli Salento D’Amare. Un vademecum che, oltre che proporre la lista degli oli che il ristoratore propone alla propria clientela, diventa un percorso guidato, un modo per intrattenere, per informare, per proporre l’abbinamento più indicato.

“L’olio, soprattutto extravergine di oliva – spiega Marianna Miceli, responsabile del marchio d’area Salento D’Amare – rientra, infatti, nelle tradizioni più antiche della Puglia e del Salento. Dall’altra parte, i consumatori iniziano a interessarsi all’olio, cosi come hanno fatto trent’anni con il vino. Benché se ne parli da tempo, la carta degli oli al ristorante non è ancora diffusa. Noi nel Salento stiamo credendo in questa ennesima sfida, per venire incontro, col criterio della qualità e della territorialità, a tutti i soggetti coinvolti”.

La Carta degli Oli Salento D’Amare prevede una suddivisione tra oli a denominazione d'origine, biologici e convenzionali.
Al momento, fanno parte della prima carta degli oli Salento D’Amare le aziende locali Az. Bioagricola Serra Di Chi L’ama di Martano; Az. Agricola Biologica Eredi Cucugliato di Vernole; Masseria Stali di Caprarica; Az. Agricola Agrosi’ di Supersano; Az. Bioagricola Santateresa di Casarano; Az. Agricola Piccapane di Cutrofiano; Az. Agricola Silvana Miglietta di Squinzano; Az. Agricola Bellavita di Squinzano; Az. Agricola Labbate di Ugento; Az. Agricola Antonaci Maria Assunta di Martano; Az. Agricola 17 Tomoli di Squinzano; Az. Agricola Cerrati Ferrari di Racale di Ugento.

di C. S.
pubblicato il 12 luglio 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva