Anno 15 | 28 Aprile 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'Abruzzo sul più alto gradino del podio del Sirena d'Oro di Sorrento

Colline Teatine e Colline Pontine dominano la classifica ma, a dispetto dell'anno difficile, è il centro sud Italia a stavincere con Campania, Lazio e Toscana che si aggiudicano i premi per i migliori oli biologici

La 15° edizione del Premio Sirena d’Oro di Sorrento disegna un’Italia nella quale sono stati prodotti in Abruzzo e nel Lazio i tre migliori oli extravergine d’oliva Dop o Igp, e in Campania, Lazio e Toscana i tre migliori oli extravergine d’oliva ottenuti da agricoltura biologica.

La Sirena d’Oro è stata assegnata all’olio Dop Colline Teatine, sottozona Frentano, dell’azienda agricola Tommaso Masciantonio. Secondo posto, e quindi Sirena d’Argento, all’olio Dop Colline Pontine dell’azienda agricola Cosmo di Russo. Chiude il podio, vincendo la Sirena di Bronzo, l’olio Dop Colline Pontine dell’azienda Iannotta Lucia.

Nella categoria degli oli extravergine di oliva ottenuti da agricoltura biologica, la Sirena d’Oro è stata vinta dall’olio dell’azienda Sole di Cajani, della provincia di Salerno. Sirena d’Argento all’olio dell’azienda agricola Quattrociocchi Americo, della provincia di Frosinone. Sirena di Bronzo all’olio del Frantoio Franci di Grosseto.

E’ stato anche assegnato un premio speciale al migliore olio extravergine d’oliva biologico della regione Campania, vinto dall’azienda agricola San Salvatore, della provincia di Salerno.
Sono inoltre ben 38 gli oli extravergine di oliva, Dop, Igp o Bio, premiati con la menzione di merito da parte della giuria di assaggiatori professionali dell’associazione Oleum.

La consegna delle Sirene alle aziende vincitrici avverrà il 25 marzo, alle ore 10, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, nel corso di un convegno dal titolo "La sicurezza alimentare, tra esigenze legislative e corretta informazione".

Tra gli appuntamenti in programma nell’ambito del Sirena d’Oro 2017, anche la terza edizione di “Mastro Potino”, concorso che si propone l’obiettivo di valorizzare la figura professionale del potatore del comparto olivicolo, e una serie di incontri tra aziende e buyer.

“Il Premio Sirena d’Oro è un bellissimo racconto, che ha come protagoniste tante aziende italiane che ingaggiano una competizione per realizzare i migliori oli extravergine d’oliva, accomunate però dallo stesso obiettivo, che è quello di promuovere nel mondo le loro produzioni di qualità, una indiscussa eccellenza del nostro patrimonio agroalimentare - ha detto il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - Assegniamo un riconoscimento ai migliori oli, dopo una rigorosa selezione, ma vi è un significato profondo in questo concorso che va ben oltre il punteggio ottenuto. Ogni singola bottiglia di olio extravergine di oliva Dop, Igp, o Bio, che viene iscritta al concorso, è l’immagine di un territorio, di un contesto produttivo, dello sforzo encomiabile di aziende che rappresentano la migliore Italia agricola, e che la città di Sorrento, insieme ai suoi partner, sostiene con convinzione”.

“In un’annata contraddistinta, a livello nazionale, da un forte calo della produzione di oli extravergine di oliva, vi è ugualmente stato una significativa adesione di aziende al Premio Sirena d’Oro di Sorrento – ha sottolineato il presidente del comitato esecutivo del concorso, Tullio Esposito – Questo è per noi motivo di soddisfazione, ed è la dimostrazione che il Sirena d’Oro viene considerato come un importante strumento per la promozione, nel mondo, dell’olio extravergine di oliva dop, igp e bio di produzione nazionale. Gli oli vincitori del concorso saranno ora protagonisti di una degustazione guidata nell’ambito di Sol&Agrifood e, inoltre, nei prossimi giorni, renderanno ancora più prezioso un evento gourmet, a Firenze, per il festeggiamento del ventesimo compleanno del Consorzio per la tutela dell’olio extravergine di oliva Toscano IGP. Presso il ristorante “Ora d’aria”, l’incontro tra lo chef toscano Marco Stabile, e lo chef Giuseppe Aversa, del ristorante “Il Buco” di Sorrento, darà vita a pietanze campane e toscane condite con gli oli Dop e Bio che hanno conquistato la “Sirena”.

 

di C. S.
pubblicato il 15 marzo 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

L'autogol dell'olivicoltura italiana

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano