Anno 16 | 21 Novembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Giocare e divertirsi con olio extra vergine d'oliva e miele

E' possibile coinvolgere grandi e piccini su questi due splendidi alimenti grazie al gioco e alle degustazioni, divertendosi con gli abbinamenti e creazioni gastronomiche e culinarie assolutamente inedite. Un esempio? Un long drink a base di gin e miele di acacia

Come Natura Crea – Esplorazioni tra olio e miele è stata una sfida interessante. Due pomeriggi e due serate, alla fine dell'estate, in mezzo alla settimana, in una piazza molto carina nel centro storico di Giovinazzo, ma abbastanza nascosta, in un paese vocato alla produzione di olio, a parlare di extravergine di qualità e miele. Indubbiamente una bella sfida che Passione Extravergine ha voluto cogliere con quel pizzico di follia che ci caratterizza da tempo. L'idea era anche quella di coinvolgere esercenti del food, in occasione dell'evento, per parlare dei due alimenti in veste di ingredienti, ragionando di sensazioni organolettiche e di abbinamenti. Coloro che hanno accettato la sfida, hanno avuto a disposizione un micro corso personalizzato su questi due alimenti: ne sono venute fuori 4 pizze, appetizer vari e persino un long drink a base di gin e miele di acacia. E' incredibile, ma siamo così poco abituati a ricevere qualcosa gratuitamente che la disponibilità a condividere contenuti di qualità insospettisce.

Nelle due giornate di Come Natura Crea, nonostante un vento fortissimo capace di ribaltare persino le bottiglie piene, la frequenza è stata interessante, con un'attenzione speciale per l'Honey bar organizzato da AMI con le parole e i gesti di Maria Mastroserio, mentre l'Oil bar è stato condotto dalla simpatica Angela Fiore. Lo spazio Laboratori, pensato per più piccoli è stato il territorio di Vicky Gravinese e Alessandra Sacco che hanno fatto avvicinare i bimbi al mondo delle api e del miele, ma anche dell'olio e del paesaggio, sfiorando il sold out.

Molto apprezzati i banchi dei produttori, con gli assaggi di oli ma anche sottoli, conserve e cosmetici, mentre in particolare la seconda sera, anche gli aperitivi con abbinamenti curati dalla Norcineria Il Simposio e Casa Pugliese hanno riscosso un certo successo, proponendo combinazioni inedite e originali.

“Un'esperienza da ripetere – dice l'Assesore alla Cultura Anna Vacca – perchè abbiamo bisogno di scoprire l'olio, il miele e il territorio nella loro unicità, ma attraverso azioni semplici, che arrivano direttamente ai consumatori, senza essere troppo accademici, magari divertendosi.”

di Elisabetta De Blasi
pubblicato il 07 settembre 2018 in Tracce > Gastronomia

[0] COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!