Anno 15 | 11 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Gestione più collegiale per Alma, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana

Gualtiero Marchesi lascia il rettorato, condividendo la gestione della Scuola con Enzo Malanca, Andrea Sinigaglia e Matteo Berti che andranno a costituire il Comitato scientifico di Alma

Gualtiero Marchesi non è più il Rettore di Alma e il timone della Scuola Internazionale di Cucina Italiana, che ha sede a Colorno (Parma), viene affidato a un Comitato scientifico presieduto da Enzo Malanca, Gualtiero Marchesi, Andrea Sinigaglia e Matteo Berti. Lo rende noto la stessa Alma che ha diffuso il discorso di Marchesi per l'inaugurazione dell'Anno Accademico 2017/2018.

"Cari studenti, cari docenti, cari amici, posso dire, senza esagerare, ma con orgoglio, che se Alma è, lo è anche per merito del sottoscritto - ha detto lo chef -. Non so se è stato più un parto o una paternità. Forse le due cose insieme. Mi sento madre e anche padre di questa bellissima scuola. Qui, si viene a imparare le basi del mestiere, ad apprendere le tecniche con cui lavorare per rendere merito e per fare grande la cucina italiana. Si può fare qualcosa di grande solo se si studia sodo e si pratica senza sosta il mestiere".

"Per me - ha proseguito - è arrivato il momento di dedicarmi a qualcosa che mi sta molto a cuore. Un progetto che coltivo da tempo e che sta per nascere. Sentivo il bisogno di dar vita, sul modello della Casa di riposo dei musicisti, anche a una Casa di riposo dei cuochi. Per dedicarmi al mio nuovo progetto lascio la carica di Rettore. Una scelta che arriva quando Alma stessa non ha più bisogno di una simile figura".

di C. S.
pubblicato il 04 ottobre 2017 in Tracce > Gastronomia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione