Anno 15 | 21 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Alla ricerca di nuovi modi di consumare la verdura

Dopo l'avvento dell'insata in busta e dei piatti pronti, gli italiani cercano sempre nuove varianti, semplici e salutari. Tra i prodotti che vorrebbero acquistare, ma che non trovano al supermercato, al primo posto ci sono gli spaghetti a base di verdure

C'è ancora molto spazio per la creatività tra i banchi del supermercato.

Chi pensa che sulle verdure si è già inventato tutto, dopo l'avvento della quarta gamma e dei piatti pronti, si sbaglia di grosso.

Tra i prodotti che vorrebbero acquistare, ma che non trovano al supermercato, al primo posto ci sono gli spaghetti a base di verdure.

A evidenziare questo scollamento tra domanda e offerta è il Monitor Ortofrutta di Agroter, società specializzata nella ricerca sul marketing strategico dei prodotti freschi e freschissimi fondata nel 1990 da Roberto Della Casa, docente di marketing all'Università di Bologna.

L'indagine sui prodotti a base vegetale che il consumatore acquisterebbe ma trova nel negozio di riferimento mette poi alle spalle degli spaghetti a base di verdura (indicati dal 31% del campione) le salse fresche di verdure e legumi (28%), prodotti nati e di impiego abituale in altri Paesi che stanno sempre più prendendo forma anche nel mercato italiano. Seguono, poi, prodotti innovativi come germogli freschi (27%), flan di verdura (27%) e smoothies ed estratti (27%), fino ai prodotti di tendenza quali frutti di bosco, superfood (goji, curcuma e zenzero) e la frutta esotica, tutti indicati da un 20% del campione.

"Dai risultati della nostra ricerca - commenta Della Casa - emerge l'interesse dei consumatori a declinare quelli che potrebbero essere piatti tradizionali della dieta italiana, come la pasta al ragù, in una versione tutta vegetale. La richiesta di spaghetti a base di verdure, per esempio, ci suggerisce una certa preoccupazione degli italiani verso la base della nostra alimentazione, perché ricca di carboidrati complessi. Le esigenze dei consumatori stanno cambiando, e in fretta, è quindi necessario studiare nuovi concept di offerta per nuovi format nei punti vendita: nel futuro non ci sarà più un semplice reparto ortofrutta, ma il perimetro dell'offerta si amplierà a nuovi prodotti e nuove categorie, per arrivare ad avere un reparto soluzioni vegetali".

di C. S.
pubblicato il 12 giugno 2017 in Tracce > Gastronomia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Torna l'Ottocento, fatto di dogane e gendarmi, di città e contadi