Anno 15 | 16 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Rosato e pizza, l'abbinamento dell'estate 2017

Le Donne del Vino lanciano il rosè che lo hanno lanciato in una tre giorni a Sorrento. Madrina d’eccezione la chef Lidia Bastianich che ha proposto l'abbinamento con la pizza, per rilanciare i consumi, anche negli States

Se ne parla, se ne scrive e si beve sempre di più nel mondo: il rosé piace ai consumatori. Non solo alle donne come il luogo comune vorrebbe. Lo confermano i dati: la produzione mondiale si attesta intorno ai 22,7 milioni di ettolitri, pari a circa il 10% dei vini consumati a livello mondiale. L’Italia è il secondo esportatore nel mondo in volume con il 16%. Solo negli Usa, nel 2016 le vendite di vino rosato sono salite del 6,8% con un fatturato di oltre 816 milioni di dollari.

L’Associazione nazionale Le Donne del Vino gli ha dedicato una tre giorni: è Sorrento Rosé, il primo festival dei vini rosati ospitato nel capoluogo della penisola sorrentina.

"Rosato non è rosa" sostengono le Donne del Vino.

“Il nostro impegno – dice la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini - è promuovere la cultura del vino rosato attraverso una manifestazione che mira a raccontare i rosé in tutte le loro sfumature: terroir, vitigni, tecniche produttive e aspetti sensoriali, secondo l'ottica del confronto tra territori di produzione nazionali”.

La sfida al femminile, uscita dalla tavola rotonda “Pizza e vino rosato”, è scalzare l'abbinamento classico pizza-birra.

A parlare di filosofia della pizza Antonino Esposito, chef pizzaiolo sorrentino che non ama le scorciatoie: "La pizza è fatta di farina, acqua e sale. Tutto il resto è moda". Un’affermazione che sembra minimalista e invece sottende l’uso di materie prime eccellenti e lievitazioni lunghe. Tutti d’accordo che la coppia pizza-rosato possa essere vincente nei prossimi anni: Luciano Pignataro, giornalista e grande conoscitore della vera pizza napoletana, Tania Mauri e Luciana Squadrilli, autrici del libro “La Buona Pizza”, e Nicoletta Gargiulo, presidente Ais Campania e Lorella Di Porzio delegata delle Donne del Vino.

E proprio l'abbinamento pizza-rosato può essere l'arma vincente negli States secondo la madrina dell'evento."«La cultura del vino oltre oceano – ha dichiarato Lidia Bastianich - ha ancora molto da raccontare. Nei principali locali che abbiamo in America proponiamo carte dei vini che comprendono migliaia di etichette italiane e tra queste c’è anche il vino rosato che è ottimo servito tutto l’anno non solo con gli abbinamenti più classici, ma anche con la pizza che è il cibo italiano più diffuso nel nostro Paese".

di T N
pubblicato il 16 maggio 2017 in Tracce > Gastronomia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione