Anno 15 | 23 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Rosato e pizza, l'abbinamento dell'estate 2017

Le Donne del Vino lanciano il rosè che lo hanno lanciato in una tre giorni a Sorrento. Madrina d’eccezione la chef Lidia Bastianich che ha proposto l'abbinamento con la pizza, per rilanciare i consumi, anche negli States

Se ne parla, se ne scrive e si beve sempre di più nel mondo: il rosé piace ai consumatori. Non solo alle donne come il luogo comune vorrebbe. Lo confermano i dati: la produzione mondiale si attesta intorno ai 22,7 milioni di ettolitri, pari a circa il 10% dei vini consumati a livello mondiale. L’Italia è il secondo esportatore nel mondo in volume con il 16%. Solo negli Usa, nel 2016 le vendite di vino rosato sono salite del 6,8% con un fatturato di oltre 816 milioni di dollari.

L’Associazione nazionale Le Donne del Vino gli ha dedicato una tre giorni: è Sorrento Rosé, il primo festival dei vini rosati ospitato nel capoluogo della penisola sorrentina.

"Rosato non è rosa" sostengono le Donne del Vino.

“Il nostro impegno – dice la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini - è promuovere la cultura del vino rosato attraverso una manifestazione che mira a raccontare i rosé in tutte le loro sfumature: terroir, vitigni, tecniche produttive e aspetti sensoriali, secondo l'ottica del confronto tra territori di produzione nazionali”.

La sfida al femminile, uscita dalla tavola rotonda “Pizza e vino rosato”, è scalzare l'abbinamento classico pizza-birra.

A parlare di filosofia della pizza Antonino Esposito, chef pizzaiolo sorrentino che non ama le scorciatoie: "La pizza è fatta di farina, acqua e sale. Tutto il resto è moda". Un’affermazione che sembra minimalista e invece sottende l’uso di materie prime eccellenti e lievitazioni lunghe. Tutti d’accordo che la coppia pizza-rosato possa essere vincente nei prossimi anni: Luciano Pignataro, giornalista e grande conoscitore della vera pizza napoletana, Tania Mauri e Luciana Squadrilli, autrici del libro “La Buona Pizza”, e Nicoletta Gargiulo, presidente Ais Campania e Lorella Di Porzio delegata delle Donne del Vino.

E proprio l'abbinamento pizza-rosato può essere l'arma vincente negli States secondo la madrina dell'evento."«La cultura del vino oltre oceano – ha dichiarato Lidia Bastianich - ha ancora molto da raccontare. Nei principali locali che abbiamo in America proponiamo carte dei vini che comprendono migliaia di etichette italiane e tra queste c’è anche il vino rosato che è ottimo servito tutto l’anno non solo con gli abbinamenti più classici, ma anche con la pizza che è il cibo italiano più diffuso nel nostro Paese".

di T N
pubblicato il 16 maggio 2017 in Tracce > Gastronomia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva