Anno 15 | 26 Aprile 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Gli italiani non rinunciano alla pausa pranzo

Secondo una ricerca Doxa-Ancit è un pasto molto importante, irrinunciabile per otto persone su dieci. Ancora molti i connazionali che scelgono di tornare a casa. Per chi preferisce pranzare sul luogo di lavoro il piatto preferito è l'insalata di riso con tonno e pomodori 

Gli italiani non rinuncerebbero mai alla pausa pranzo.

Il sentiment emerge da un’indagine Doxa - Ancit (Associazione nazionale conservieri Ittici) che ha evidenziato il rapporto degli italiani con il pasto sul luogo di lavoro. In particolare il pranzo resta per molti un momento gourmet in cui ricaricarsi con alimenti buoni e salutari (48%) e una occasione socializzante da condividere con i propri colleghi (31%). Gli irriducibili dello smartphone sono invece solo il 13% , allo stesso tempo sono il 5% quelli che mangiano mentre continuano a lavorare e il 3% quelli che scelgono di utilizzare la pausa pranzo per fare sport.

Dalla ricerca emerge anche che 3 italiani su 4 (75%) fanno pausa pranzo tutti i giorni. Solo il 18% non la fa mai o più raramente e, se proprio decide di riempire lo stomaco, lo fa con spuntini spezza fame nell’arco della giornata. Si rileva inoltre, come già segnalato- che gli italiani dedicano in media al pranzo un’ora (51%) mentre c’è una fetta importante (18%) che si permette di sforare e andare oltre l’ora (18%). Solo il 7% del campione dedica alla pausa pranzo meno di mezz’ora. Viene detto inoltre che il 39% degli italiani sceglie di fare pausa pranzo a casa e che 6 italiani su 10 mangiano fuori casa. In particolare il 24% sceglie di restare sul luogo di lavoro (ufficio o magazzino), il 20% trascorre la pausa pranzo nella mensa aziendale mentre solo il 14% si reca al bar o alla tavola calda. Il parco è un'utopia visto che solo l’1% utilizza la pausa pranzo all’aria aperta.

La schiscetta trionfa invece per chi mangia direttamente nel luogo di lavoro, ufficio o magazzino che sia: è la preferita dall’85% degli italiani, di questi, la maggior parte (66%) consuma gli alimenti portati da casa e ingeriti freddi, cosi come sono, mentre il 19% riscalda il tutto nel cucinotto aziendale. Avanza il delivery: il 29% degli italiani che fa pausa pranzo sul posto di lavoro ordina il pasto con servizio take away. Infine la ricetta più presente nella schiscetta è una “insalata di riso con tonno e pomodori” (40%), con due superfoods come tonno e pomodoro per fare il pieno di salute. Naturalmente, c’è anche chi va veloce e non si fa mai mancare il classico panino o tramezzino con salumi e formaggi o con tonno e pomodoro (35%). Solo 1 italiano su 10 mangia pizza durante la pausa pranzo lasciando uno dei piatti più amati ad altri momenti.

di C. S.
pubblicato il 13 aprile 2017 in Tracce > Gastronomia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori

L'autogol dell'olivicoltura italiana