Anno 16 | 22 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Missione frantoiano: perchè non si nasce, si impara

Aprol Perugia, nell’ambito delle proprie attività formative, organizza a fine settembre un corso per tecnico di frantoio incentrato sul miglioramento della qualità e sulla riduzione dell’impatto ambientale

Diventare frantoiano significa dover avere dimestichezza con la tecnologia e il processo di estrazione ma anche innumerevoli altre problematiche in un mondo che cambia molto velocemente. Per questa ragione Aprol ha organizzato un corso per diventare tecnico di frantoio.

Il corso è stato organizzato per aggiornare gli operatori del settore sulle ultime innovazioni relative alla tecnologia ed ai macchinari necessari per la corretta conduzione di un frantoio oleario. In particolare, il corso verte sulle più recenti innovazioni tecnologiche per il miglioramento delle caratteristiche organolettiche e la diversificazione del prodotto, in base alle richieste ed alle esigenze dei diversi mercati. Sono previste tuttavia, anche lezioni su aspetti legati alla legislazione per la tenuta dei registri e la gestione dell’etichettatura, oltre che sulle linee guida che regolano le strategie della comunicazione commerciale per la valorizzazione del prodotto.
Particolare attenzione sarà data anche al risparmio energetico.

Durata del Corso
Il corso è della durata di 45 ore.

Periodo di svolgimento
Dal 24 al 26 Settembre 2018
Dal 01 al 02 Ottobre 2018

Luogo di svolgimento
Le lezioni avranno luogo presso la sede di Aprol Perugia, via
Settevalli 131/F, 06129 Perugia.

Programma

24 Settembre 2018
9.00 – 13.00
Accoglienza dei partecipanti. Presentazione delle finalità del corso e articolazione dei contenuti generali. (G. Scatolini, Presidente Aprol Perugia)
Tecnologia e macchinari in riferimento alla qualità degli oli. (M. Servili, Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, Università degli Studi di Perugia).

14.00 – 19.00
Tecnologia PIERALISI: l’influenza dei processi tecnologici di lavorazione sulla qualità dell’olio. Risparmio energetico e riduzione dell’impatto ambientale. (B. Tripodi).

25 Settembre 2018
9.00-13.00
Etichettatura: legislazione nazionale e comunitaria sugli oli (A. Morabito, ICQRF di Perugia).

14.00 – 19.00
Tecnologia ALFA LAVAL: l’influenza dei processi tecnologici di lavorazione sulla qualità dell’olio. Risparmio energetico e
riduzione dell’impatto ambientale. (G.Costagli).

26 Settembre 2018
9.00-13.00
Tecnologia RCM RAPANELLI URANO: l’influenza dei processi tecnologici di lavorazione sulla qualità dell’olio. Risparmio energetico e riduzione dell’impatto ambientale. (F.Filippucci, R.Rondina, G.G.Dionigi).

14.00-19.00
Aspetti pratici della gestione di un frantoio (L.Mencaglia,Tecnico di Frantoio)

1 Ottobre 2018
9.00 – 13.00
Aspetti legali e adempimenti burocratici relativi alla gestione dei vari registri in un frantoio. Portale SIAN. (R. Vanzini, Funzionario AGEA)

14.00 – 19.00
Tecnologia MORI: l’influenza dei processi tecnologici di
lavorazione sulla qualità dell’olio. Risparmio energetico e
riduzione dell’impatto ambientale (G.Mori)

02 Ottobre 2018
9.00 – 13.00
Comunicare la Qualità. (Alberto Grimelli, Direttore Rivista Online Teatro Naturale)
14.00 – 19.00
Conclusioni e degustazioni guidate. Consegna attestati di partecipazione (G. Scatolini, Presidente Aprol Perugia)

È possibile effettuare l’iscrizione al corso compilando il modulo di iscrizione al percorso formativo scaricabile dalla pagina Facebook di Aprol Perugia
Il modulo dovrà pervenire compilato presso Aprol Perugia con allegata fotocopia del documento di identità entro e non oltre il giorno 20/09/2018, tramite mail al seguente indirizzo: info@aprolperugia.it o tramite fax allo 075/5067632.
Il contributo richiesto per la partecipazione al corso è di € 400,00 + IVA.

di C. S.
pubblicato il 03 agosto 2018 in Tracce > Formazione

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!