Anno 15 | 25 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Corretta gestione del frantoio oleario moderno

Un corso di formazione in Calabria per salvaguardare tipicità e caratteristiche dell'olio extra vergine di oliva della Regione ma anche per sfruttare al meglio le misure di finanziamento offerte dalla Calabira, dall'Italia e dall'Unione europea. A Maida dall'1 al 5 settembre

Quale produttore non vorrebbe che il suo olio fosse di qualità eccellente, un olio da premio? Tutti. Soprattutto perché da tempo è maturata la consapevolezza di come giungere all’agognata qualità, grazie anche alle conoscenze tecniche acquisite e ai progressi tecnologici ormai largamente applicati nella gestione agronomica dell’azienda. Un’esigenza a cui devono rispondere gli addetti per far fronte alla domanda sempre più stringente dei consumatori, anch’essi consapevoli e attenti alla qualità. Ma la realtà è ben diversa, perché se da una parte è provato che i passi avanti sono stati compiuti dai produttori, dai consumatori e dall’industria di trasformazione, dall’altra sembra che i frantoiani siano rimasti al palo. In particolare nel mondo del contoterzismo. Quanti tecnici di frantoio conoscono la localizzazione e i meccanismi d’azione degli enzimi endogeni? Dove e come si creano gli aromi nell’olio durante la fase di trasformazione dell’oliva? Come fare per preservare e incrementare il contenuto dei polifenoli? Come vanno regolate le macchine olearie per ottenere oli di pregio?

A queste e a molte altre domande cerca di dare le giuste risposte il terzo “Corso avanzato di formazione per frantoiani - Corso finalizzato al corretto uso delle macchine olearie del frantoio per il miglioramento della qualità dell’olio di oliva”, organizzato dalla Funaro S.a.s. Servizi alle Imprese e l’Azienda Costantino Mariangela. Il corso, della durata di 40 ore, si svolgerà a Maida (CZ) dall’1 al 5 settembre 2017 presso l’Agriturismo Costantino.

Un corso di aggiornamento per frantoiani e tecnici, che affronta tutte le tematiche riguardanti la corretta gestione del frantoio oleario moderno. Infatti, il programma è articolato in modo tale da esaminare gli aspetti inerenti la gestione del frantoio, a partire dall’arrivo delle olive per finire alla commercializzazione del prodotto. Al centro, il proposito di fornire agli addetti le adeguate competenze per governare efficacemente le macchine olearie. Il fine ultimo è quello del superamento degli standard qualitativi attuali, innalzando l’asticella della qualità per ottenere oli dall’alto profilo sensoriale, in grado di soddisfare le aspettative dei consumatori più attenti e di affermarsi nei vari Concorsi e Guide di settore.

In sintesi, durante la settimana verranno affrontate le seguenti tematiche:
- le misure di finanziamento e agevolazioni nazionali e comunitarie (PSR programmazione 2014-2020, finanziamenti INAIL) per l’acquisto, l’ammodernamento e la sicurezza dei frantoi;
- la gestione del portale SIAN relativo al Registro di commercializzazione dell’olio di oliva e la conoscenza della normativa nazionale e comunitaria dell'olio di oliva a cura dell’ICQRF;
- l’importanza dell’analisi sensoriale nella valutazione organolettica degli oli;
- le ultime ricerche scientifiche sulla trasformazione delle olive in olio e la qualità degli oli a cura del prof. Maurizio Servili dell’Università di Perugia e del prof. Alessandro Leone dell’Università di Foggia;
- l’organizzazione del prodotto nel frantoio;
- le problematiche che subentrano nella fase tra l’ottenimento del prodotto e la commercializzazione (controllo qualità, stoccaggio, imbottigliamento, packaging, indicazioni volontarie e obbligatorie in etichetta in prodotti commercializzati in Italia, nella U.E. ed in paesi extra U.E., ecc.);
- l’apprendimento del corretto funzionamento e controllo delle macchine olearie, a cura dei titolari e/o importanti esponenti delle più prestigiose case costruttrici (Alfa-Laval, Mori-Tem e Pieralisi).

Il corso è aperto a tutti gli interessati, in particolar modo agli operatori di frantoio, produttori oleari, agronomi, periti agrari, agrotecnici, capo panel e assaggiatori degli oli di oliva vergini, ecc.

Per programma e info collegarsi al sito: www.agriturismocostantino.it

di C. S.
pubblicato il 10 luglio 2017 in Tracce > Formazione

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva