Anno 15 | 23 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Spiegare le virtù della Dieta Mediterranea e dell'olio di oliva

Gli alunni dell'Istituto superiore “Duca Abruzzi-Libero Grassi” di Palermo hanno seguito il progetto di ricerca Dimesa, sulla valorizzazione di prodotti tipici della Dieta Mediterranea e loro impiego a fini salutistici e nutraceutici. In un breve video, ecco perchè scegliere una dieta sana

Il progetto “A Scuola di Open Coesione” (ASOC) nasce nell’ambito dell’iniziativa Open Coesione in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e la rappresentanza in Italia della Commissione Europea, per il coinvolgimento della rete di Centri di informazione Europe Direct a supporto delle scuole partecipanti. L’istituto ha partecipato al bando aperto a 100 scuole secondarie di secondo grado di tutti gli indirizzi di studio, superando la selezione che richiedeva il possesso di alcuni requisiti minimi.

La partecipazione a questo progetto ha inteso sensibilizzare gli studenti dell’istituto Duca Abruzzi - Libero Grassi verso le tematiche legate ai processi di innovazione sociale, in linea con i principi base dell’innovazione sociale “Interazione, innovazione e collaborazione”, come ricorda il Libro Bianco di Robin Murray, Julie Caulier Grice e Geoff Mulgan.

Il percorso ASOC riunisce in un unico programma didattico educazione civica, acquisizione di competenze digitali, statistiche e di data journalism, nonché competenze trasversali quali sviluppo di senso critico, problem-solving, lavoro di gruppo e abilità interpersonali e comunicative, integrandole con i contenuti delle materie ordinarie di studio.

La Classe 3A ha monitorato il progetto Dimesa, sulla valorizzazione di prodotti tipici della Dieta Mediterranea e loro impiego a fini salutistici e nutraceutici.

Il progetto Dimesa, che mira a conferire "valore" alle produzioni agroalimentari tradizionali siciliane attraverso attività che conferiscano aspetti innovativi nei processi produttivi e maggiore competitività nei mercati di riferimento, prevede di favorire la produzione di oli da cultivar del germoplasma autoctono della Sicilia ad elevato contenuto di biofenoli; migliorare le produzioni di olive da mensa da cultivar del germoplasma autoctono con elevato valore funzionale e definizione dei parametri biochimici del valore salutistico e nutraceutico degli oli extravergini di oliva siciliani; la creazione di una linea di condimenti a base di oli extravergini aromatizzati con oli essenziali di piante officinali con la relativa caratterizzazione analitica ed organolettica del profilo qualitativo e sensoriale e lo sviluppo di prodotti salutistici della cerealicoltura siciliana (pane, pasta) in rapporto al genotipo, all'ambiente, allatecnica di coltivazione e alle condizioni di stoccaggio di semola e granella, la valorizzazione di cereali tradizionali per la produzione di pasta con caratteristiche funzionali, la produzione di pasta fresca tradizionale e "healthy" ottenuta da grani siciliani da dispensare tramite una macchinavending di nuova concezione e la valorizzazione di composti prebiotici nella pasta attraverso l'integrazione dei beta glucani estratti dalla cariossidedell'orzo e dalla parete di Saccaromices Cerevisiae.

Il tema della Dieta Mediterranea, nel progetto dell'Istituto, è inquadrato sotto il profilo della promozione di alcuni prodotti di eccellenza dell’agroalimentare siciliano con particolari caratteristiche salutistiche e che fanno parte del paniere della Dieta Mediterranea. È rilevata e motivata l'importanza di qualificare e sostenere i processi e le attività produttive che stanno all'origine degli alimenti oggetto di studio sulla base dei loro effetti salutistici.

Gli alunni, accompagnati dal docente referente del progetto, hanno effettuato un’intervista al responsabile scientifico e al project manager presso l’Università di Palermo. Inoltre, hanno partecipato ad una visita aziendale presso l’Azienda Angela Consiglio di Castelvetrano, partner del progetto Dimesa, e hanno intervistato il proprietario.

Al termine del percorso, ne è nato un video: https://www.youtube.com/watch?v=1RATM_CyrDE

Il lavoro svolto dagli studenti della 3A, ribattezzatesi Team Angio, ha ricevuto il Premio Speciale Originalità della Ricerca nell'ambito del progetto ASOC, durante la giornata della Festa dell’Europa.

 

 

di Teresa Cirivello
pubblicato il 15 giugno 2017 in Tracce > Formazione

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva