Anno 15 | 14 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Una laurea per diventare professionisti del gusto

Un successo il corso di laurea dell'Università del Molise in Enogastronomia e Turismo. Restano due settimane per iscriversi al test. Ci si può laureare in tre anni, studiando nella sede di Termoli, affacciata sul litorale, diventata un polo nazionale degli studi superiori sul turismo

Dopo il successo del primo anno, l’Università del Molise presenta il corso in Enogastronomia e turismo. Restano due settimane per iscriversi al test.

Ci si può laureare in tre anni, studiando nella sede di Termoli, affacciata sul litorale, diventata un polo nazionale degli studi superiori sul turismo. Il corso si rivolge agli studenti di
tutta Italia e anche stranieri che intendano conseguire il titolo di dottore in “Scienze turistiche – Enogastronomia e turismo”, maturando conoscenze e competenze manageriali, territoriali, tecnico-scientifiche, culturali, economiche e giuridiche da spendere nella gestione delle aziende turistiche e dell’alimentazione e per lo sviluppo del territorio. Economia del gusto, Comunicazione enogastronomica, Sociologia del cibo, Destination management, Organizzazione degli eventi, Paesaggio e sistemi agroalimentari, Enologia e marketing gli ambiti di studio.

Nato per iniziativa dell’Ateneo molisano e grazie a un protocollo d’intesa con diversi comuni del basso Molise, è stato progettato da un pool di docenti coordinati da Rossano Pazzagli, storico territorialista, presidente dei corsi di laurea in scienze del turismo e direttore del Centro di ricerca per le Aree Interne e gli Appennini (ArIA).

Il corso forma un laureato esperto in enogastronomia e turismo, con competenze territoriali, tecnico-scientifiche, culturali, giuridiche ed economiche relative al settore.

La figura in uscita potrà svolgere compiti di programmatore di turismo, esperto travel designer, esperto di turismo incoming, esperto in wine&food tours, professional event organizer, comunicatore showcooking e ogni altra attività del settore riconducibile all’ambito tecnico, imprenditoriale o manageriale, dell’accoglienza, della promozione turistica e enogastronomica, del rapporto tra agricoltura e turismo. Un punto di forza è il collegamento con importanti aziende dell’agroalimentare e del turismo e con le organizzazioni più rappresentative del settore, con opportunità di stage e tirocini in Italia e all’estero.

Per iscriversi è necessario sostenere un test di valutazione fissato per il 21 luglio 2017.

C’è tempo per iscriversi al test fino al 31 maggio prossimo, tramite procedura online sul sito www.unimol.it (sezione portale dello studente) o contattando la segreteria dell’Università a Termoli (0874-404802, 404804; petti@unimol.it; daimmo@unimol.it).

“Il boom di iscrizioni dell’anno scorso ci incoraggia molto – dice il presidente del corso Rossano Pazzagli – e siamo certi di offrire ai giovani una formazione adeguata per operare in
un settore in crescita come quello del turismo legato al cibo, al vino, all’olio e agli altri prodotti di qualità, tanto più che abbiamo intorno un territorio ricco di potenzialità paesaggistiche e gastronomiche. Aspettiamo solo Voi. I futuri professionisti del gusto”.

di C. S.
pubblicato il 15 maggio 2017 in Tracce > Formazione

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione