Anno 15 | 24 Marzo 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Formazione e networking per la filiera olivicolo olearia italiana

Gli EVO Days si propongono come spazio di incontro e di confronto dove far crescere strategie comuni per lo sviluppo del settore. Esperti di fama internazionale provenienti da tutto il mondo. Hanno il patrocinio dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio

Produrre di più, con sempre maggiore qualità ed esportare di più. Con questa sfida si apre la prima edizione degli EVOO Days, l’innovativa iniziativa di Veronafiere-Sol&Agrifood a supporto della filiera dell’olio di oliva, in programma lunedì 20 e martedì 21 febbraio in occasione del concorso internazionale Sol d’Oro.

Relatori di fama internazionale provenienti, oltre che dall’Italia, da Spagna, Usa, Giappone, Taiwan e Marocco, raccontano come raggiungere l’obiettivo e continuare ad essere leader a livello mondiale, adeguando la produzione e i modelli di comunicazione e marketing a un mercato in espansione che guarda alla dieta mediterranea come modello alimentare.

Presente tra questi anche il direttore esecutivo del Consiglio Oleicolo Internazionale, Abdellatif Ghedira, che illustra scenari e prospettive del commercio mondiale, mentre il giornalista Tom Mueller – famoso negli Stati Uniti per i suoi articoli, le sue inchieste e i suoi libri sull’olio di oliva italiano – e Himeyo Nagatomo della Japan Olive Oil Taster Association, spiegano cosa chiedono all’olio italiano i consumatori di Usa e Giappone, i due mercati di riferimento dell’export nazionale.

L'olio extra vergine d'oliva in bottiglie troppo ricercate, ad esempio, è malvisto negli Usa. In Giappone, invece, non conoscono l'odore del carciofo. Vendere sui mercati internazionali significa quindi rispondere alle esigenze di consumatori molto differenti tra loro, imparando a usare linguaggi molto diversi.

E rispettare le regole di ogni Paese.

Il forum sul business dell’olio nasce in un momento particolarmente importante e propositivo per il settore oleicolo italiano, che ha visto a novembre la nascita di FOOI-Filiera Olivicola-Olearia Italiana, l’organismo interprofessionale, che per la prima volta riunisce tutte le sigle del tavolo di filiera (Aipo, Cno, Unapol, Unasco e Unaprol per le associazioni di organizzazioni di produttori; Assitol per l’industria olearia; Federolio per il commercio; Aifo e Assofrantoi per il settore della trasformazione) e che si è assunta il ruolo di interlocutore unico per discutere di strategie di settore per affrontare il mercato globale.

In linea con questa visione unitaria, i focus proposti dagli EVOO Days – tecniche per aumentare la produzione nazionale, qualità degli oli, conoscenza dei mercati esteri e relazione con i buyer internazionali, marketing e comunicazione -, pur rappresentando momenti di formazione per fasi diverse della filiera, sono stati pensati per essere tasselli di un’unica strategia di crescita.

A conclusione dei lavori del primo giorno, proclamazione degli oli vincitori del Sol d’Oro Emisfero Nord; degustazione guidata il secondo giorno, previa registrazione.

Gli EVOO Days hanno il patrocinio dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio.

di C. S.
pubblicato il 10 febbraio 2017 in Tracce > Formazione

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Qual'è il giusto prezzo per un quintale di olive?

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori