Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Sempre più e-commerce per il vino italiano

Oggi a dominare la scena sono le aziende più note e le etichette più ricercate ma nel prossimo futuro l'acquisto di vino on line potrebbe arrivare a toccare i 200 milioni di euro di fatturato

Le etichette-cult, le annate introvabili dei soliti noti e le bottiglie estere sul web, mentre gli scaffali delle enoteche e supermercati restano i canali di vendita principale per gran parte del vino made in Italy. Così in Italia il commercio delle bottiglie di vino nel canale online è ancora molto limitato, eccessivamente frazionato, dipendente da fattori sociali e da scelte aziendali.

All'estero invece si viaggia con altro ritmo, volumi molto maggiori, fatturati interessanti, grandi portali. A fare il punto sul commercio delle bottiglie di vino nel canale online è una ricerca-sondaggio realizzata da Ovse-Ceves che stima una crescita a quota 200 milioni di euro di fatturato per il 2023.

La Toscana, secondo l'analisi condotta da Giampietro Comolli presidente di Ovse-Ceves, è la regione vinicola più presente online con circa il 28% di quota di mercato, seguita da Piemonte, Veneto e Lazio. Le etichette più vendute sono quelle di fascia medio alta e alta, cioè dai 10 euro a bottiglia in su, più trasporto. Ancor meglio, in proporzione, la distribuzione di bottiglie da 25 euro ed oltre. L'online è un canale che favorisce anche le etichette straniere. In Italia il giro d'affari online dell'e-commerce vino si divide fra il 51% venduto dalle aziende tramite il proprio sito, il 25% tramite i siti specializzati, il resto su altri portali anche internazionali o su portali di insegne. La vendita online, conclude Comolli, ''non è antagonista del commercio tradizionale, anzi ne favorisce la conoscenza e la diffusione.

Al momento favorisce i vini di fascia alta e i più noti. Le denominazioni più vendute sono: Brunello, Amarone, Valpolicella, Bolgheri, Chianti, Barolo, Barbaresco, Barbera e Franciacorta''.

di C. S.
pubblicato il 13 marzo 2018 in Tracce > Economia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!