Anno 16 | 21 Novembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'uoie, l'olio. S’ta zitte dend’u zìrre. Repóse

Una lirica inedita di Pasquale Di Lena, in dialetto larinese, con una foto di Giovanni Aloia

E' una lirica ispirata al libro Il respiro dell'olio, di Luigi Caricato: link esterno

Pasquale Di Lena

L’UOIE ( ZYT)

S’ta zitte l’uoie
dend’u zìrre.
Repóse.
Zitte cóme i zite
èppène spesate pe nzurà.
Zitte, settìle,
vérde chelòr d’óre
bas’te nu file
pe sentì jèrv’a frésche
carciòfe o pemmedóre .
Respire chiàne
com’a ddòre du pane.
T’èrrecriie
chi fasciuole, i cice,
ca pizz’è màne, a ciabòtte,
u sughe pì zite, i fóje,
i tréje, i calàmare
i paeparuóle, i melegname.
Bas’te na ócce
pe sazià a fame.
Renfrésche u cuórpe,
ogne a pèlle
z’émmésche cà cite
pe na nzalàta frésche,
sciùvele lisce
ngòppe na matenèlle.


Larino, 8 dicembre 2008

Nel cuore dell'olivo - foto di Giovanni Aloia

L’olio ( “zyt“, come lo chiama Annibale quando, due secoli e più a. C.- seconda guerra punica – sosta sul colle di Gerione, che pendola tra Kalena e Montorio e guarda Larino).

Sta zitto l’olio/nello ziro.//Riposa.// in silenzio come gli sposi /appena sposati per procreare// In silenzio,sottile/verde color dell’oro/basta un filo/per avere il sentore dell’erba appena sfalciata/del carciofo o del pomodoro//Respira piano/ come l’odore del pane// Ti dà gioia/ con i fagioli, i ceci/la pizza semplice/il ragù per i maccheroni, le verdure/la ciambotta/ le triglie, i calamari/i peperoni, le melanzane.//Basta una goccia per saziare la fame//Rinfresca l’intestino/alimenta la pelle/si mescola con l’aceto/ per condire una insalata appena raccolta/scivola liscio sulla mattonella

Zyt, zit-to, zi-ro, zit-i, n- zu-rà, zit-e

di Pasquale Di Lena
pubblicato il 20 dicembre 2008 in Tracce > Cultura

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!