Anno 16 | 10 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > L'ARCA OLEARIA

Solo un terzo dell'olivicoltura italiana accede ai contributi accoppiati della Politica agricola comunitaria

Il premio base per ogni ettaro olivetato è di 119 euro, a cui si possono aggiungere quelli per Dop/Igp e per quelli collinari in Puglia e Calabria. Nel 2016 richieste in calo rispetto alle aspettative. Sono 75 mila gli ettari ammessi ad aiuto per l’olivicoltura di rilevanza economica, sociale, territoriale e ambientale

T N

Olivicoltori hobbisti, cosa fare contro la mosca delle olive?

Da escludere i trattamenti da effettuarsi col patentino, mancano ancora i presidi fitosanitari efficaci contro la mosca delle olive acquistabili liberamente. Non resta che affidarsi ai sistemi di lotta biologici, con alcuni distinguo e senza affidarsi troppo al passaparola

0

Angelo Bo

Tutti i nemici dell'oliva, oltre alla mosca, la tignola, il tripide fino alla cecidomia

La mosca ha fatto già la sua apparizione ma anche altri insetti possono attaccare le olive, a partire dalla tignola. In caso di forte siccità possono presentarsi anche le cimici. Occorre imparare a distinguere i segni sui frutti ma anche sulle foglie, come nel caso del tripide, per intervenire per tempo e non sprecare energie e denaro in inutili trattamenti

R. T.

Tecniche di aridocoltura per il futuro dell'olivo nel Mediterraneo

Non tutta l'olivicoltura mediterranea potrà beneficiare dell'irrigazione e quindi si torna a studiare le potenzialità di tecniche del passato e di gestioni agronomiche che fanno largo uso di sottoprodotti per attenuare lo stress idrico e mantenere una buona produttività e redditività

R. T.

Contro Xylella fastidiosa è fronte comune tra operatori e mondo della ricerca

Il primo passo per affrontare la Xylella è quello di combattere pregiudizi e comportamenti antiscientifici. Il sovrainnesto con FS17 e Leccino funziona e potrebbe rallentare la diffusione del batterio, magari in attesa di una cura, su cui si sta lavorando

0

Serena Ferrara

Partito il valzer delle previsioni sulle produzioni d'olio d'oliva nel Mediterraneo. Ecco una sintesi ragionata

Anche la cooperativa spagnola Oleoestepa e la rivista greca Olivenews si lanciano nelle previsioni sulla prossima campagna olearia, con notizie affatto rassicuranti e talvolta stime sopravvalutate, come quelle che riguardano l'Italia

T N

Conoe: tassa di smaltimento anche per gli oli di oliva vergini e l'olio di oliva

A partire dal 1 luglio 2017 è dovuto il contributo ambientale sugli oli e grassi animali e vegetali per uso alimentare. Il Conoe ha emanato la direttiva applicativa: dodici pagine per l'applicazione dell'articolo 10 della legge 154 del 28 luglio 2016. Dal registro trimestrale, allo spostamento del punto di prelievo, alle richieste di rimborso. Perdersi nei cavilli è veramente troppo semplice

0

Alberto Grimelli

Difendersi da lebbra, e forse Xylella, con cloni di olivo tolleranti

Non solo nuove vareità estere o un miglioramento genetico in divenire, anche i cloni possono presentare caratteristiche interessanti. E' il caso dell'Ottobratica Calipa, tollerante alla lebbra e in fase di test per la suscettibilità a Xylella fastidiosa previo innesto a pezza su piante infette in Puglia

0

Lidia Viterale

L'intelligenza artificiale contro la mosca delle olive

Un progetto spagnolo, finanziato dal Ministero dell'Economia, dell'Industria e competitività, vuole sviluppare un modello predittivo per il controllo di Bactrocera oleae che possa prevedere l'attacco con quattro settimane di anticipo

T N

La sfida della difesa dalla mosca delle olive nel mondo biologico

Fare bio prima di tutto vuol dire approcciare i problemi di coltivazione con una mentalità che differisce drasticamente dalla medicalizzazione che ci ha portato la cultura della chimica, ossia “ho un problema, quale prodotto uso?” Come approcciare allora la difesa dalla mosca delle olive in agricoltura biologica?

0

Angelo Bo

L'artigianalità chiave del futuro dell'olivicoltura italiana

Durante il congresso Aifo l'impegno del governo, per bocca del Vice Ministro Oliviero, di poter arrivare a distinguere tra gli oli extra vergine a seconda delle caratteristiche organolettiche e proprietà salutistiche. Riconfermato alla presidenza Piero Gonnelli

Eliminare le tracce di fitofarmaci dall'olio di oliva tramite la luce ultravioletta

L'olivicoltura industriale richiede alti input, tra i quali trattamenti fitosanitari continui, con il concreto rischio di trovare residui nell'olio extra vergine di oliva. L'idea sperimentale, per ora, è eliminare le tracce di pesticidi tramite un trattamento

R. T.

L'innovazione vincente nel settore olivicolo: coltivazione tradizionale e estrazione con denocciolatura

Sono molte le scelte di fronte alle quali viene posto un imprenditore olivicolo-oleario. Qual è la migliore combinazione possibile tra tecniche colturali e sistemi di estrazione? L'approccio fuzzy multicriteria proposto dall'Università di Foggia tiene conto degli aspetti economici, ambientali e sociali

Il pericolo mosca delle olive è già in agguato: possibilità e scelte

 Il PAN sull'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari ha imposto l'adozione dell'agricoltura integrata, e di fatto abolito i così detti trattamenti a calendario. Fatto il monitoraggio è questione di scelte e nel caso di forti attacchi, le possibilità sono varie, ad esempio il cambio di principio attivo, o il cambio di strategia

0

Angelo Bo

Filtrazione o decantazione naturale, cosa cambia per l'olio extra vergine di oliva?

La filtrazione con diaframmi di cellulosa porta a un maggior deterioramento ossidativo, mentre la decantazione naturale, già dopo sei mesi, dà luogo a modifiche del profilo organolettico. Vantaggi e svantaggi di due sistemi per “pulire” l'olio

R. T.

Irrigare l'olivo per sostenere l'accrescimento del frutto: come, quando e perchè

L’obiettivo principale è evitare stress idrici durante le fasi critiche di accrescimento dell'oliva. La scarsa disponibilità idrica agisce su processi differenti a seconda dell’epoca in cui si manifesta: in una fase precoce di sviluppo del frutto riduce le divisioni cellulari, mentre in una fase tardiva limita l’espansione delle cellule. In entrambi i casi si ha una perdita di produttività

0

Enrico Maria Lodolini

Agire in prevenzione contro mosca delle olive e colpi di calore

Preoccupazione, negli oliveti italiani, per l'estate in arrivo. Anche nelle olivete in asciutta è imperativo salvare il raccolto, dopo un'allegagione in parte deludente. Ecco le possibilità offerte dal mercato: biostimolanti, caolino, carbonato di calcio e rame

R. T.

La mosca delle olive transgenica mette a rischio l'olivicoltura biologica

Un comitato internazionale, comprendente ricercatori tedeschi, greci, portoghesi e spagnoli vuole dimostrare che l'introduzione della mosca geneticamente modificata della Oxitec costituirebbe un punto di non ritorno: impossibile la coltivazione biologica dell'olivo in tutto il Mediterraneo

R. T.

<< | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!