Anno 16 | 14 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Genova apre le porte all'olio extra vergine d'oliva

Il 18 e 19 dicembre, al Porto Antico, un appuntamento particolare per valorizzare e promuovere l’olio da olive, sviscerando gli elementi che rendono unica la cultura italiana nel settore alimentare: passione, dedizione e qualità

Genova chiude l’anno aprendo le porte alla cultura dell’olio. L’occasione è “Med Oil Expo - La cultura degli oli vegetali e la cultura del Mediterraneo”, prima edizione di un evento in programma al Centro Congressi del Porto Antico il 18 e 19 dicembre, che si prefigge l’obiettivo di coinvolgere addetti ai lavori, accademici, consumatori di tutte le età, attività ristorative e del settore turistico, tutti attori fondamentali sui quali basare la diffusione della cultura dell’olio di oliva di qualità.

Un appuntamento particolare per valorizzare e promuovere l’olio da olive, sviscerando gli elementi che rendono unica la cultura italiana nel settore alimentare: passione, dedizione e qualità. Due giorni dinamici ed operativi (www.medoilexpo.com) dedicati a tutti, consumatori, appassionati, addetti ai lavori, nel corso dei quali non ci sarà solo da ascoltare i relatori che li animeranno, ma soprattutto da condividere dubbi e conoscenze in prima persona.

Si inizierà con i ‘Percorsi didattici di scoperta e degustazione’, (martedì 18 - dalle 14,30 alle 18,30) curati da straordinari ambasciatori dell’olio, Marcello Scoccia (Onaoo) e Franco Rossi (Aicoo). Di seguito l’intervento dell’Assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai, protagonista dell’incontro su ‘Olio d’oliva, ristorazione e turismo: nuove opportunità’ (ore 17,30). Med Oil Expo ha creato il brand REVOLUTION, con l’obiettivo di diffondere un nuovo approccio della ristorazione all’olio di oliva attraverso una maggiore preparazione del personale, con possibilità di far degustare l’olio ai propri clienti, la creazione di una carta degli oli ed eventualmente la vendita del prodotto stesso.

Il coinvolgimento dei ristoranti è legato alla volontà di incentivare l’importanza della presentazione dell’olio, delle sue caratteristiche in abbinamento al cibo, con l’obiettivo di sensibilizzare il consumatore sull’uso di un prodotto da sempre considerato solo un condimento, ma in realtà fondamentale nella alimentazione quotidiana. Dal settore del turismo invece nascono diverse opportunità si valorizzazione e promozione del territorio, dalla raccolta delle olive, alle degustazioni in azienda, fino alla creazione di musei dedicati. La prima giornata si concluderà con Valerio Braschi, vincitore di ‘Master Chef Italia’ che tratterà il tema “Olio di oliva, ingredienti di qualità e la passione per la cucina’..

‘Attualità, sfide e nuove opportunità dell’olivicoltura’, il tema del convegno della seconda giornata (19 dicembre, dalle 9,30 alle 18,30). L’intervento di apertura sarà del Prof. Maurizio Servili (Università di Perugia), che affronterà il tema “La qualità degli oli extravergine di oliva italiani tra biodiversità ed innovazione tecnologica”. A seguire il Prof. Alessandro Parenti (Università di Firenze) sul tema “Il processo di trasformazione e la qualità dell’olio prodotto”. Le tematiche sulle nuove sfide ‘Xylella, cambiamenti climatici e mosca olearia’, saranno affrontate dal dott. Pierfederico La Notte (CNR Bari), mentre ‘Il controllo dei fitofagi in olivicoltura: vecchi e nuovi problemi, dal Prof. Ruggero Petacchi (Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa). Al termine tutti i relatori saranno coinvolti dal giornalista Maurizio Pescari in una tavola rotonda su “Il futuro dell’olivicoltura: possibili scenari”.

La sessione pomeridiana sarà aperta da Andrea Gaudenzi (Frantoio Gaudenzi, Umbria), che presenterà il nuovo progetto agri-rivoluzionario della sua azienda; a seguire il dott. Luca Valdetara interverrà su “Il futuro delle certificazioni nell’agroalimentare”. I temi di turismo e ristorazione con l’olio da olive di nuovo protagonisti con Maurizio Pescari che parlerà su “Il turismo enogastronomico e l’olio d’oliva un binomio da promuovere’ e da Filippo Falugiani (Airo) su ‘Olio d’oliva nella ristorazione’ e Gigi Mozzi (Media Marketing) su ‘Importanza delle strategie di marketing e della comunicazione’.

di Carlotta Maffei
pubblicato il 07 dicembre 2018 in Strettamente Tecnico > Eventi

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!