Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Un olivo autoctono, l'Olivone di Montebenichi, all'Accademia dei Georgofili

Il 6 dicembre a Firenze la presentazione del progetto Olionostrum, per andare oltre la ricerca e pensare alla biodiversità come un percorso virtuoso di business e cultura

Olionostrum è un progetto, voluto dal Comune di Bucine, per riscoprire e valorizzare una varietà di olivo locale, l'Olivone di Montebenichi, il cui nome è stato tramandato nei secoli nella Valdambra ma che oggi è quasi scomparso.

Quasi, perchè al di là del progetto scientifico che vuole dare un'identità genetica a questa cultivar, il Comune di Bucine ha guardato lontano, ha chiesto ai proprietari delle 33 piante di raccogliere le olive tutte lo stesso giorno e a conferirle in un unico frantoio per produrre l’Olio della Biodiversità che è stato imbottigliato in una piccola bottiglia di vetro: un olio extra vergine di oliva che testimonia il lavoro e l’amore degli olivicoltori per il proprio territorio.

Oggi quel progetto passa in una nuova fase, pensando al dopo: alla difesa e alla valorizzazione.

E' su questi temi che si confronteranno illustri relatori, il prossimo 6 dicembre, presso l'Accademia dei Georgofili di Firenze.

Programma:

Ore 9,15 Registrazione
Ore 9,30 Apertura dei lavori
Massimo Vincenzini Presidente dell’Accademia dei Georgofili
Pietro Tanzini Sindaco del Comune di Bucine
Valentina Vadi Consigliere Regionale della Toscana

Presentazione del video: “’Olivo ritrovato: una storia biodiversa” a cura di Caterina Mazzocolin Associazione Olissea

Relazioni:
Il ruolo dell’ente locale come attore di promozione e sviluppo territoriale: Progetto OliOnostrum
Nicola Benini Assessore alla Promozione del Territorio del Comune di Bucine

L’Olivone di Montebenichi Il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione della biodiversità olivicola in Valdambra
Dott. Claudio Cantini - Graziano Sani - Paolo Pestelli
CNR Ivalsa di Sesto Fiorentino

Un frantoio innovativo per la Valdambra
Prof. Alessandro Parenti Università di Firenze Dip. GESAAF

Valorizzare un territorio attraverso la formazione delle aziende e la promozione dei prodotti tipici
Marina Lauri—ANCI Toscana

Interventi programmati:
Partenariato Europeo per l’Innovazione in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura - Piano Strategico del Gruppo Operativo
Dott. Gennaro Giliberti Regione Toscana Responsabile del Settore Produzioni Agricole, Vegetali e Zootecniche

Biodiversità olivicola e frantoio di territorio: opportunità per lo sviluppo del settore
Le Aziende aderenti al Progetto OliOnostrum

Comunicare il progetto OliOnostrum
Chiara Galli ditta LCD srl di Firenze

L’Oro Verde e gli oli della Valdambra
Capo Panel ANAPOO Associazione Nazionale Assaggiatori Oli e Olive

Come si mangia l’olio al ristorante
Filippo Falugiani - AIRO Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio

Lo chef Marco Stabile del ristorante L’Ora d’Aria di Firenze incontra l’Oro Verde della Valdambra

Osteria Gelateria Cassia Vetus
Gelato con l’Oro Verde della Valdambra

A seguire degustazione degli oli delle aziende aderenti al progetto OliOnostrum

Ore 13,30 Chiusura dei lavori

 

La partecipazione all’incontro è riservata a coloro che si saranno registrati entro lunedì 3 dicembre ad adesioni@georgofili.it
Le iscrizioni saranno accolte compatibilmente con la capienza della sala

di C. S.
pubblicato il 23 novembre 2018 in Strettamente Tecnico > Eventi

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!