Anno 16 | 14 Novembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'olio di oliva di eccellenza si ritrova nel salotto di Lucca

Il 17 e 18 febbraio la sesta edizione della mostra mercato sugli extravergini nuovi, preceduta dalla conbsegna delle Corone Maestrod'Olio. Presenti 55 aziende top del Bel Paese con le loro migliori etichette

Un’occasione unica per assaggiare e acquistare i migliori oli “verdi” di tutta Italia e vivere un’autentica full immersion nella cultura olearia del Bel Paese, tra alta cucina, grandi degustazioni e momenti di approfondimento. Senza dimenticare la possibilità di trascorrere un weekend speciale in una delle città più belle e romantiche dello Stivale. Stiamo parlando di Extra Lucca, la mostra mercato sugli oli d’oliva extravergini nuovi, giunta alla sua sesta edizione, che dal 17 al 18 febbraio animerà per due giorni la città murata, con numerose iniziative gratuite e per tutti i gusti.

Cuore pulsante della kermesse - ideata dal presidente dell’Accademia Maestrod’olio, Fausto Borella - lo storico Palazzo Ducale con i suoi mille metri quadrati di logge e sale affrescate in stile Napoleonico, che ospiteranno 55 aziende top provenienti da tutte le regioni con i loro oli appena franti, ma anche incontri, cooking show con grandi chef, presentazioni e un particolare percorso enogastronomico rivolto a tutti, con spazi speciali riservati ai bambini. Sarà invece il Teatro San Girolamo di Lucca il palcoscenico privilegiato per la presentazione della guida Terred’Olio 2018, in programma venerdì 16 febbraio alle ore 20.00: una sorta di anteprima della manifestazione per scoprire le oltre 140 aziende recensite nel libro da Fausto Borella e assistere alla cerimonia di premiazione delle Corone Maestrod’olio 2018, alla presenza dello stesso curatore e di Giorgione. Proprio il noto chef televisivo sarà inoltre uno dei protagonisti dei cooking show, che si terranno sabato 17 febbraio, accanto al pizzaiolo Gennaro Nasti, allo stellato Gianfranco Pascucci e alla giovane e talentuosa Faby Scarica.

E se nell’area Extra Food, situata nella Loggia dell’Ammannati di Palazzo Ducale, sarà possibile assaggiare e acquistare le specialità di alcuni dei più noti artigiani italiani del gusto in tutti i due giorni di manifestazione; per conoscere da vicino gli aspetti qualitativi, nutrizionali e sensoriali di 15 dei migliori extra vergine italiani bisognerà prenotarsi fin da ora per l’unico importante appuntamento previsto domenica 18 alle ore 15.00. Nell’affascinante sala Ademollo di Palazzo Ducale andrà in scena infatti la più grande degustazione di olio dell’anno, condotta alla cieca da Fausto Borella insieme a Fiammetta Nizzi Grifi, responsabile tecnico del consorzio DOP Chianti Classico, e a Sonia Donati, coordinatrice regionale per la guida Extravergini di Slow Food. La partecipazione al seminario (durata di 90 minuti) prevede un contributo di 30 euro per un massimo di 100 posti. Altrettanti quelli disponibili per l’esclusivo tasting di champagne francesi, abbinato alla presentazione da parte di Samuel Cogliati dei suoi due ultimi libri sulle prestigiose bollicine (domenica 18 ore 12, costo 25 euro).

“Tra oli, vini, eccellenze gastronomiche e numerose iniziative per esperti e neofiti – sottolinea Fausto Borella, ideatore della manifestazione e presidente dell'Accademia Maestrod'olio - quello di Extra Luccasi preannuncia ancor una volta un appuntamento imperdibile, in grado di coniugare gusto, conoscenza e divertimento, senza tralasciare la possibilità di trascorrere un weekend in uno dei comuni più belli della Toscana. Conosciuta come ‘la città dalle 100 chiese’, che si trovano dentro e fuori dal centro storico, Lucca è infatti un vero scrigno d’arte con i suoi monumenti, i suoi palazzi, le sue torri e piazze, ma soprattutto con le sue rinomate mura, che offrono una singolare promenade unica al mondo”.

Extra Lucca è patrocinato dal Comune di Lucca.

Info: www.extralucca.it

di C. S.
pubblicato il 07 febbraio 2018 in Strettamente Tecnico > Eventi

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!