Anno 16 | 25 Febbraio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Il VII Forum nazionale vitivinicolo della Cia il 23 giugno a Montepulciano

“Vigneto, cantina, mercato. Investimenti, valorizzazione, ricerca”: è questo il titolo del VII Forum nazionale vitivinicolo con cui la Cia-Agricoltori Italiani dà appuntamento a esperti del settore, mondo delle istituzioni e dell’imprenditoria venerdì 23 giugno alla Fortezza Medicea di Montepulciano.

L’Italia è leader mondiale nel settore con 51 milioni di ettolitri di vino prodotti nel 2016, ma occorre individuare modelli che contribuiscano alla creazione di valore nei territori vitivinicoli oltre a sistemi e sinergie per potenziare il Made in Italy. Per questo, l’incontro proporrà una riflessione sui nuovi scenari di mercato del comparto, con particolare attenzione ad alcuni passaggi di rilevanza strategica della filiera, come gli investimenti, la ricerca e la dematerializzazione dei registri.

I lavori inizieranno alle 09.30 con i saluti del sindaco di Montepulciano Andrea Rossi, del presidente della Cia Toscana Luca Brunelli e di Piero Di Betto, presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano. Alle due relazioni introduttive di Denis Pantini di Nomisma e di Daniele Piccinin del Gruppo di Interesse Economico Vitivinicolo Cia seguirà la tavola rotonda moderata dal giornalista de Il Sole 24 Ore Giorgio Dell’Orefice, a cui parteciperanno esponenti del mondo imprenditoriale e politico.

Infatti, interverranno: Linda Mauperon, Coordinatrice delle Unità Politiche vitivinicole della Commissione Europea DG Agri, Luca Sani, presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati; Marco Remaschi, assessore all’Agricoltura della Regione Toscana; Stefano Zanette, presidente del Consorzio Doc Prosecco; Antonio Rallo, presidente Doc Sicilia e dell’Unione Italiana Vini; Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Dop Parmigiano Reggiano e Giovanni Busi, presidente del Consorzio Docg Chianti; Ruenza Santandrea, Coordinatrice Vitivinicolo – ACI; Luca Bianchi, Capo Dipartimento Politiche competitive, della qualità agroalimentare, ippiche e della pesca del Mipaaf e Brunella Saccone, dell’Ufficio Agroalimentare e Vini dell’Agenzia ICE. Le conclusioni saranno affidate al presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino.

di C. S.
pubblicato il 19 giugno 2017 in Strettamente Tecnico > Eventi

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione

Lavorare gratis per la pubblica amministrazione e pagare le tasse. E' questo il destino dei professionisti italiani?

Dai super esperti alle fake news sull'olio d'oliva, il passo è breve