Anno 16 | 22 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > ENERGIA VERDE

Il nuovo decreto rinnovabili quasi pronto all'emanazione

Atteso da due anni, il Ministero dello sviluppo economico e quello all'ambiente giungono a un'intesa. Ora spetta alle associazioni e ai portatori di interesse, chiamati a esprimersi sugli impianti da realizzare su siti inquinati, l’obbligo di bonifica dei terreni e la salvaguardia per singola tecnologia

T N

Il Sahara potrebbe tornare una florida pianura grazie ai parchi eolici e fotovoltaici

L'installazione di grandi impianti di rinnovabili starebbe modificando il clima della regione desertica, aumentando le piogge e facendo tornare la vegetazione.

T N

Capraia, l'isola pilota per l'economia circolare

Il programma “Capraia Smart Island” si rende concreto dopo il meeting internazionale di giugno. La popolazione dell’isola ormai partecipa attivamente a un percorso che in partenza sembrava utopico

0

Marcello Ortenzi

Il biometano, arma in più per limitare l'effetto serra

Uno studio europeo ha valutato le potenzialità del biometano al 2050 per contenere l’aumento della temperatura dell’atmosfera. Il potenziale produttivo sostenibile di biometano da biomassa agricola e legnosa è stato calcolato in oltre 1000 TWh di energia l’anno

Marcello Ortenzi

Nuovi incentivi per la produzione di biometano

Ci sono circa 4,7 miliardi di euro d’incentivi di durata ventennale che si applicano a tutti nuovi impianti per la produzione di biometano e biocarburanti ottenuti da rifiuti, residui agricoli e alghe, che entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2022

Marcello Ortenzi

La caldaia a pellet fa bene all'ambiente

Le caldaie a pellet oggi raggiungono e superano il 94% e la qualità della combustione è spinta ai massimi livelli grazie agli accurati studi condotti sui bruciatori. Inoltre l’effetto di tossicità sulla salute prodotto da moderne caldaie automatiche a pellet è trascurabile

Marcello Ortenzi

Il futuro del biogas in Italia

L'Italia può arrivare a produrre il 15% del proprio fabbisogno in gas attraverso l'agricoltura. Lo sviluppo della filiera consentirebbe entro il 2030 di creare oltre 21mila posti di lavoro e di generare un gettito tributario di 16 miliardi

C. S.

La canapa sempre più al centro della green economy Made in Italy

A Milano tre giorni dedicati alla canapa per informare sulle opportunità economiche della canapa e mostrare prodotti provenienti da tutta Europa. I settori d'impiego sono tanti: bioedilizia, oli alimentari, biomasse, farine, tele, carta, vernici, lubrificanti, shampoo, lozioni, isolanti, plastiche biodegradabili ed estratti a uso terapeutico e ricreativo

Marcello Ortenzi

Nasce in Italia il primo impianto di biogas bi-stadio in Europa

Sempre più innovazione nel funzionamento degli impianti biogas verso la sostenibilità. Grazie ai tempi ridotti di digestione della biomassa, l’impianto bi-stadio registra volumi inferiori e costi di realizzazione più contenuti rispetto agli impianti tradizionali

Marcello Ortenzi

Le energie rinnovabili crescono ma dal 2030 si rischia la frenata

Nel 2016 in Italia il 37% dell'energia prodotta viene dalle fonti rinnovabili. In crescita l'eolico, mentre risultano in discesa rispetto al 2015 sia l'idroelettrico sia il fotovoltaico. In assenza di una politica di incentivi l'Italia non riuscirebbe mai a raggiungere gli obiettivi tracciati dall’Ue per il 2030

T N

Troppo ottimismo su efficienza e rinnovabili

Gli Stati Generali della Green Economy sulla Strategia energetica nazionale, lontana dai target dell’accordo di Parigi. Troppo ottimistiche le valutazioni fatte in materia di efficienza energetica e fonti rinnovabili

C. S.

In pochi decenni saranno le fonti rinnovabili a dare energia al pianeta

Secondo uno studoi della Stanford University ben 139 paesi, entro il 2050, si potranno definire 100% rinnovabili. Tra questi anche l'Italia che ha le potenzialità per sostenersi solo cone energia solare, idroelettrica e eolica

C. S.

Rinnovabili sempre più casalinghe in Italia

Amentano le nuove installazioni ma calano quelle connesse. La maggior parte della potenza connessa è localizzata nelle regioni del Sud Italia. E' boom soprattutto dell'eolico che con 78 MW connessi a giugno 2017 raggiunge quota 278 MW su 551 MW totali

C. S.

L'Italia non scommmette sulle energie rinnovabili

Italia in controtendenza, con una flessione degli occupati nel settore delle energie verdi. Un milione i lavoratori di questo comparto in Germania, mentre nel nostro Paese non si arriva neanche a 100 mila unità

C. S.

Indietro tutta per le rinnovabili elettriche in Italia

Dopo il crollo dell'idroelettrico, iniziato nel 2014, eolico e fotovoltaico confermano di non poter soddisfare il fabbisogno di energia. Nel periodo gennaio-maggio le rinnovabili elettriche coprono il 32,8% della domanda contro il 34,5% del 2016

C. S.

Le piccole isole italiane diventano laboratori di bioeconomia

Mentre il ministero sviluppo economico ha emesso un decreto di sostegno all'autonomia energetica delle piccole isole, il 27 e 28 maggio a Capraia esperti e popolazione hanno elaborato un progetto di gestione sostenibile a tutte le attività economiche e sociali, come modello valido per tutte le piccole isole italiane

0

Marcello Ortenzi

Colture bioenergetiche di secondo raccolto per alimentare la filiera del biometano

Secondi raccolti, scarti agricoli e reflui zootecnici potrebbero rappresentare entro la fine del prossimo decennio il 66% delle matrici utilizzate per produrre biometano. Fino a 2,66 miliardi di metri cubi potrebbero venire da doppie colture annuali, altrettanto dagli effluenti zootecnici

0

Marcello Ortenzi

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!