Anno 15 | 23 Giugno 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Vega, un olio extra vergine di oliva spaziale, che viene dal salernitano

Miglior blend per la Guida Gambero Rosso, un extra vergine frutto dell'unione tra Frantoio e Itrana nel mezzo del parco del Cilento. Dalla passione della famiglia Ambrosio è nato Vega, "uno degli oli più affascinanti che la Campania ci ha regalato in questa campagna olearia"

Da una famiglia dedita da sempre alla coltivazione e lavorazione delle olive discende il giovane Massimo Ambrosio, oggi guida dell'azienda olearia che negli anni ha saputo distinguersi per una produzione di grande qualità.

Sui 100 ettari di proprietà sparsi nel territorio cilentano di Salento (SA), 21 sono quelli coltivati a olivo. Il resto eucalipti, querce e macchia mediterranea.

Un posto incantevole in uno dei più piccoli centri del parco nazionale del Cilento.

Non dotato ancora di frantoio di proprietà, l'azienda si avvale dell'esperienza di Davide Monzo di Pietrabianca per trasformare le vproprie olive.

Miglior blend Gambero Rosso 2017: Vega

Vega, ovvero uno degli oli più affascinanti che la Campania ci ha regalato in questa annata.

Un blend paritario di Itrana e Frantoio dal naso intrigante e sfaccettato dove le note di pomodoro, rucola e cardo sono nitide e precise. Arricchiscono il bagaglio olfattivo pungenti sentori di conifere ed echi balsamici.

Al palato è preciso e sontuoso, di grande equilibrio e piacevolezza.

Abbinamenti: insalate di ceci

di Stefano Polacchi
pubblicato il 16 maggio 2017 in Racconti > Emozioni di gusto

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva