Anno 16 | 24 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Una pizza golosa per il rientro dalle vacanze, firmata da Rodolfo Sorbillo

Prepararsi una pizza in casa non è mai stato così semplice grazie ai consigli del giovane, quarta generazione di pizzaioli della grande famiglia napoletana. Il segreto è la farina e l'olio extra vergine d'oliva. Formaggi e/o mozzarella a metà cottura per evitare che si brucino

Almeno un italiano su dieci soffre di “post-vacation blues”, ovvero stress da rientro dalle vacanze. Da oggi, e almeno fino a fine mese, i rientri saranno all’ordine del giorno. Numerose ricerche sottolineano come continuare a ritagliarsi dei momenti di piacere e di condivisione possa alleviare questa fase di ritorno alla quotidianità.

Il giovane Rodolfo Sorbillo, quarta generazione di pizzaioli della grande famiglia napoletana, ci ha svelato i segreti della sua pizza in teglia, quella che prepara lui stesso a casa quando (raramente) non è a lavoro nelle sue pizzerie di Salerno e Cava de’Tirreni.

Custode di una pizza tradizionale che predilige realizzare con farine meno raffinate e biologiche, Rodolfo ama guardarsi intorno pur mantenendo un rapporto solido con le sue radici.

 

Pizza in teglia del pizzaiolo Rodolfo Sorbillo

Ingredienti per 4/6 persone:

un litro d’acqua

1.200 grammi di farina 310/330 W

25 grammi di sale

2 grammi di lievito di birra

60 grammi di olio evo (ndr olio extra vergine di oliva)

 

Procedimento:

Sciogliere il lievito di birra e l’olio evo nell’acqua a temperatura ambiente. Aggiungere metà della farina e lavorare. Dopo un paio di minuti aggiungere il sale e la restante farina.

Lavorare per altri 5/6 minuti. Una volta che la massa diventa compatta e liscia, lasciamo riposare per circa 2 ore.

Poggiamo l’impasto sul piano di lavoro e ripieghiamolo più volte su se stesso (come si fa con la pasta sfoglia), rimettiamolo in un recipiente leggermente oleato e la lasciamo in frigo per altre 5 ore.

Prima di stendere l’impasto nelle teglie lasciarlo a temperatura ambiente per circa mezz’ora.

Usiamo della farina di semola per aiutarci a stenderla, adagiamo l’impasto nelle teglie oleate andando a picchiettare dolcemente prima il cornicione e poi il centro.

Andiamo a farcire a piacimento.

Se preferite aggiungete formaggi e/o mozzarella a metà cottura per evitare che si brucino.

Se preparerete pizze bianche in cui il condimento è meno presente, potreste spennellare la superficie della pizza con dell’olio evo in modo da non seccarla.

di C. S.
pubblicato il 04 settembre 2018 in Racconti > A regola d'arte

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!