Anno 15 | 11 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Ho l'onore di parlare con un esperto di agraria?

Nel romanzo Un uomo di carattere Paola Capriolo mette in scena le geometriche leggi dell'ordine e della misura contrapponendole alla caotica violenza della natura

Paola Capriolo

(...)

"Se lei esaudisse il desiderio di Ursula, forse ne trarrebbe giovamento anche il giardino. Gli uccelli si nutrono di insetti e di larve, provvedono a eliminare i parassiti; la loro utilità è certamente maggiore del danno che arrecano".

"Nessuno riuscirà mai a convincermi che da due disordini possa nascere un ordine. Ma non sapevo di aver l'onore di parlare con un esperto di agraria".

"Soggiornando spesso in campagna..."

"Ritiene di aver appreso qualcosa? Può darsi, tuttavia la sua concezione della natura continua a essere puramente sentimentale, e con il sentimentalismo, mi creda, non si arriva lontano. Lei è un pittore, quindi dovrebbe sapere quanto la freddezza sia indispensabile per conseguire lo scopo che ci si prefigge"

"Gliel'ho detto, sono solo un dilettante".

"Forse perché non ha ancora imparato a dominare i suoi impulsi. Anch'io presumo di aver esteso le mie conoscenze negli ultimi mesi, e non soltanto per quanto riguarda le tecniche di coltivazione".

(...)


Paola Capriolo



Testo tratto da: Paola Capriolo, Un uomo di carattere, Bompiani, Milano 1996: link esterno

di L. C.
pubblicato il 10 ottobre 2009 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione