Anno 15 | 25 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'olivo di Alberto Bevilacqua

Un ricordo del grande scrittore, poeta e regista attraverso una sua immagine, fortemente evocativa della pianta della pace, e un suo pensiero

...Fra i raggi blu e verdi che spiovevano dalle nuovole, teneva in mano un ramo di ulivo, nell'altra uno straccio bianco legato a un bastone, perchè potessero avvistarlo. Cadde ma ripresa come energia. Raggiunse un piccolo bacino che doveva essersi seccato durante la notte, infatti affondò in una discesa di pesci morti, alzando le braccia come a placare - in nome di un Dio resuscitato - ghiaie e detriti e specchi d'acqua impazziti, finchè le forze non gli mancarono...

... Ora, per aprire le porte, serve la falsa cultura, rubata alla cultura vera, con la quale uno passa da genio, mentre il genio autentico  lo fanno passare da coglione, e lasciano che si spenga nella sua cella dell'incomprensione...

 

Tratti da:

Alberto Bevilacqua

La Polvere sull'erba

Einaudi, 2000

 

 

di C. S.
pubblicato il 14 settembre 2013 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva