Anno 15 | 22 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Le cose impossibili accadono sempre!

Una gioiosa affabulazione sul racconto biblico di Vittorio Salvati e Paola Cerana, partendo dall’ipotesi che Adamo ed Eva siano figure reali

Dopo il successo di Schegge d’amore rosso dieci, Vittorio Salvati e Paola Cerana ci incantano con un nuovo libro: Il Diario proibito di Adamo & Eva, edito da Edizioni Sabinae. Uno stravagante divertissement, una gioiosa affabulazione sul racconto biblico, partendo dall’ipotesi che Adamo ed Eva siano effettivamente esistiti e abbiano lasciato un Diario sulla loro avventura rivelando retroscena e sviluppi sorprendenti. Un libro che, divertendo, invita a riflettere sulle nostre origini e il nostro destino.

Il libro sarà presentato alla Fiera Più Libri più Liberi, che si terrà a Roma dal 7 al 10 Dicembre.

 

IL DIARIO PROIBITO DI ADAMO & EVA

“Noi sottoscritti Adamo ed Eva, padre e madre primigeni di tutti gli esseri umani, abbiamo deciso, dopo molte riflessioni e ripensamenti, di rivelare al mondo come sono andate effettivamente le cose dal momento della nostra nascita fino alla scacciata dall’Eden e alla vera origine della specie umana. Tutte faccende scritte e tramandate dai nostri discendenti con qualche inesattezza e con alcune importanti omissioni. È soprattutto per colmare quest’ultime, e per altre considerazioni che saranno chiare in appresso, che ci accingiamo a scrivere questo diario a due mani con l’intento convenuto di lasciarlo sui gradini della Chiesa di Santa Maria della Valle di Josaphat di Paternò, affidando la sua sorte alla credulità o meno di chi per primo s’imbatterà nel manoscritto ma, soprattutto, alla Divina Provvidenza che su ogni cosa umana presiede.”

Le cose impossibili accadono sempre!

Vittorio Salvati e Paola Cerana

 

Testo tratto da: Vittorio Salvati e Paola Cerana, Il Diario proibito di Adamo & Eva, Edizioni Sabinae 2011

 

di T N
pubblicato il 03 dicembre 2011 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva