Anno 15 | 20 Febbraio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

PENSIERI E PAROLE > MASSIME E MEMORIE

Lo stato della cucina? Riflette lo stato della mente

Un esilarante racconto di Charles Bukowski. Protagonisti gli uomini che abitano soli. Quelli con la cucina perpetuamente sporca e quelli che invece ce l'hanno pulita

L. C.

Il rapimento splendido, e lo stupore. Le sorprese, l'incanto

La coltura degli alberi di Natale secondo Thomas S. Eliot. Un testo per chi riesce a restare spirito libero anche di fronte alle grandi festività

T N

Ho alzato una mano verso l'argento e ho toccato una fogliolina di ulivo

Una memorabile pagina di Maurizio Maggiani tratta dal "Viaggiatore notturno". Ho provato paura, scrive. Non è bene che questo albero sia qui, che disorienti con il disordine della sua presenza. Sbagliavo

T N

E' come nel rapporto sessuale: il grido liberatore rimane sempre chiuso in petto

L'intima forza ebraica nei diari di Etty Hillesum, vittima dello sterminio nazista. Nelle sue pagine emerge la paura di vivere, su tutta la linea

L. C.

L'industria dei profitti furfanteschi. Non c'è più un solo cibo che sia sano

Uno scambio di menzogne e rutti. I disarmanti versi di Patrizia Valduga, scritti nella forma chiusa delle quartine

T N

Ti prego solo di non andartene, affonda in me le tue radici

L'intesa amorosa secondo David Grossman. Un uomo nota una donna sconosciuta e le scrive una lettera, proponendole un rapporto profondo

T N

Non fraintendetemi: io amo il mondo della ristorazione

Anthony Bourdain, una gioventù dissipata, tra droga e contestazione, poi chef rivelazione a New York

T N

O dolce mano, mano bella, mano gentile

I versi di Claude Chappuys nella traduzione di Cosimo Ortesta

L. C.

Quando il rimedio è peggiore del male

Una traduzione del poeta Giampiero Neri da Esopo, su una precedente versione del seicentista napoletano Giacomo Lubrano

Giampiero Neri

Hai grinta? Irresistibile. Hai coglioni? Tremendi

I consigli di Guido Ceronetti a un Riformatore di costumi. Un dialogo su come cambiare tutto, radicalmente, in Italia

T N

La libertà? Non è cambiare padrone, ma dire senza timore "è mio"

Omaggio al gran capo dei briganti Carmine Crocco: "molti si illusero di poterci usare per le rivoluzioni. Le loro rivoluzioni"

T N

E all'imbrunire, dopo una faticosa giornata di lavoro, la mungitura

Dietro agli armenti e ai malgari dovevano partire anche i ragazzi. Nelle parole di Mauro Corona la dura esperienza di un passato carico di ricordi

T N

La pazienza degli animali

Una prosa inedita del poeta Giampiero Neri per "Teatro Naturale": se i cani sapessero parlare, comanderebbero loro

Giampiero Neri

Il collezionista di vini nell'immaginario di Giuseppe Pontiggia

"E' difficile entrare nella mente degli altri", scrive il noto scrittore lombardo, in una interessante e ironica confidenza tratta da "Prima persona"

T N

La geometrica distruzione della campagna

Una donna a piedi lungo la strada provinciale numero tre, tra gas di scarico, fabbriche abbandonate e il volto irrimediabilmente mutato del paesaggio

T N

I capelli neri corvini e negli occhi la veemenza di un rapace affamato

Un breve racconto per immagini di Maria Teresa Ferrari, per guardare nel fondo degli occhi di bambini disincantati

T N

Il mondo era questo, adesso. Fumo e cenere

Con "L'uomo che cade", Don DeLillo racconta la tragedia dell'undici settembre, le inquiete solitudini della famiglia di un sopravvissuto al crollo delle torri e la paradossale normalità di un terrorista che si prepara al martirio

T N

'U cunnu, ovvero 'U pilu. Quando il sesso della donna è declinato al maschile

Una citazione da "La vita obliqua" di Enzo Siciliano mette in evidenza una curiosa espressione tipica della Calabria

T N

<< | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Qual'è il giusto prezzo per un quintale di olive?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori

L'autogol dell'olivicoltura italiana

Niente scuse per chi non sa fare l'olivicoltore