Anno 15 | 27 Maggio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

PENSIERI E PAROLE > MASSIME E MEMORIE

La mia era una capra brava e felice

Una toccante prosa di Mo Yan, autore dello straordinario quanto intenso romanzo Grande seno, fianchi larghi

T N

Nel mio giardino c’è un olivo, un tiglio, un pruno, un fico

Un toccante affresco di Giovanni Mosca, un inno alla natura

T N

Ci voleva una vergine per darci l'extravergine

Marino Niola ci apre alle imprese mitologiche di Atena. Fu una giuria popolare a maggioranza femminile a decretare il successo dell'astuta e illibata figlia di Zeus

T N

Lui, lei. L'amore tra contadini

Le trecce rosse di lei, i muscoli di lui. Presto son sposi e poi? Un sonetto di Evelina Cattermole, la contessa Lara

T N

Un albero, un inciso sul tronco, il segno della caducità

Nel giorno degli innamorati, il 14 febbraio, una magistrale prosa, breve, lapidaria, di Giovanni Mosca

T N

La rotondità del sesso

La golosità? Può diventare argomento di seduzione. E chi ha detto che gli obesi non abbiano migliori prestazioni dei magri?

T N

Volano via senza fretta, nuotando per l'aria. E' il senso di libertà delle gazze

Vivono sul confine, vicino alle opere dell’uomo e agli interrogativi della natura, esercitando un diritto di passo su bosco e campagna. Un ritratto in prosa di Nicola Dal Falco

T N

“Lo sapevo che sei una gran buttana…”

"Si versa dell’olio sulle mani e con quello mi massaggia, mi accarezza, mi unge tutto il corpo". La magia evocatrice di Giuseppina Torregrossa in un intenso brano tratto da Il conto delle minne

T N

Li chiamavano cafoni, oggi non esistono più

Il Novecento è stato il secolo del loro genocidio. L’Italia contadina è ormai divenuta un sogno, o un incubo, del passato

T N

I contadini? Non sono più quelli di una volta

Piccole riflessioni di tutti i giorni. Giovanni Mosca, un grande scrittore e giornalista, racconta la campagna vista con gli occhi della modernità

L. C.

Cani da bancata e da cancellata

In ambedue i casi, il padrone ne ignora i servigi, limitandosi al sostentamento, ad un contratto d'uso. Un prosa inedita di Nicola Dal Falco

T N

Zio Mingo perché sei così forte? Lui rispose: olio di oliva

Un divertente brano tratto da Full of Life, del grande John Fante, autore del celebre Chiedi alla polvere, nonché del romanzo La confraternita dell'uva

L. C.

L’uomo che mangia cormorani

Ha gli occhi di un unico azzurro, lenze spiritate nel groviglio che le riporta in barca o strette nel secchio all’esangue polso di sughero. Un racconto breve, e un'illustrazione, di Nicola Dal Falco

T N

Il culo rotto per un grave incomodo emorroidale

Un testo lirico di Vincenzo Monti lascia tutti di stucco per l'inconsueto approccio scatologico del poeta neoclassico. Sconosciuto, è stato pubblicato per la prima volta nel 1977

T N

Un consiglio da intenditori per il serial killer bevitore di vino

E così quell'uomo provò a riflettere: "Se uccido meno donne, ma di qualità migliore, la mia vita sarà forse meno mediocre". Un ritratto a tinte noir di Amélie Nothomb

T N

L’uomo che mangia sui viali

Disfa il nodo del sacchetto e si dispone a mangiare, santificando il primo dono della giornata. Un racconto breve, e un'illustrazione, di Nicola Dal Falco

T N

Il testamento di Alda Merini

Un omaggio alla grande poetessa, scomparsa lo scorso primo novembre: ha lavorato nel buio, come falco notturno od usignolo dal dolcissimo canto

T N

Il senso della poesia per il vino

Una intensa lirica di Giampiero Neri, da Paesaggi inospiti. Un'atmosfera d'altri tempi, con il tocco classico, ricco di suggestioni, dell'autore della celeberrima raccolta Teatro Naturale

T N

<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

L'autogol dell'olivicoltura italiana

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano