Anno 16 | 20 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Marcello Del Ferraro confermato alla guida di Assitol

Il neo presidente sarà affiancato da quattro vicepresidenti, tra i quali Pierluigi Tosato e Mario Rocchi. "Intendo improntare la mia presidenza alla collegialità" ha annunciato Del Ferraro

L’associazione dell’industria olearia conferma alla sua guida uno dei manager storici del settore.

Marcello Del Ferraro è il nuovo presidente di ASSITOL, l’Associazione Italiana dell’Industria olearia, aderente a Federalimentare e Confindustria. L’assemblea associativa lo ha eletto oggi all’unanimità.
Nato a Rocca Massima (LT) nel 1954, Del Ferraro lavora nel settore oleario dal 1982. Attualmente è amministratore unico della Ital Green Oil S.r.l, azienda del settore che fa parte del Gruppo Marseglia, specializzata nella lavorazione del seme di soia per l’ottenimento di olio da semi di soia e farine di soia.

Inoltre Del Ferraro è stato membro dell’Executive Board della Federazione europea degli oli da semi e delle farine proteiche (Fediol), in rappresentanza di Italia e Francia. Del Ferraro è anche consigliere dell’AGER, l’Associazione granaria di Bologna.

Il presidente Del Ferraro ha poi nominato alla vicepresidenza Pierluigi Brunello (Bunge), Mario Rocchi (Oleificio RM), Pierluigi Tosato (Carapelli spa), Enrico Zavaglia (Cereal Docks). Entrano inoltre nel Consiglio Generale di ASSITOL Leonardo Colavita (Colavita spa), Angelo Cremonini (Olitalia), Stefano Rinaldi (Salov), e Valentina Sabatini (Costa d’oro spa).

ASSITOL, nata nel 1972, rappresenta la produzione industriale nel settore dell’oliva, ne settori dell’olio di semi, degli oli per usi tecnici ed energetico, dei grassi e dei condimenti spalmabili, dei semilavorati per pasticceria e panificazione, oltre che dei lieviti da zuccheri. In totale, l’Associazione rappresenta un fatturato pari a 4200 milioni di euro. “
La nostra è una realtà complessa – ha osservato il neo-presidente – composta da anime diverse, ma tutte accomunate dall’obiettivo di fare impresa, creando reddito e occupazione. Per questo, intendo improntare la mia presidenza alla collegialità – ha annunciato Del Ferraro – lavorando in stretto contatto con il Consiglio generale e con gli associati, per definire, in maniera condivisa, le linee programmatiche della nostra attività. Soltanto così potremo fare scelte chiare, in grado di costruire il futuro dell’Associazione nel medio e lungo periodo”.

L’obiettivo, ha sottolineato Del Ferraro, è quello di rafforzare l’Associazione in tutte le sue articolazioni, olearie e non. “Il dialogo e la ricerca di sinergie – ha ricordato Del Ferraro - sia all’interno della nostra stessa associazione sia con realtà vicine alla nostra, finora hanno prodotto buoni risultati. E’ quindi opportuno proseguire su questa strada, con l’intento di far apprezzare sempre più l’Associazione dai suoi stessi soci e dalle istituzioni, nostri interlocutori fondamentali in questo cammino”.

di C. S.
pubblicato il 10 luglio 2018 in Pensieri e Parole > Associazioni di idee

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!