Anno 16 | 24 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Tar Lecce conferma la necessità delle eradicazioni di olivi per Xylella

“Esprimo soddisfazione per la sentenza del Tar di Lecce sull’ennesimo ricorso contro le misure di controllo della xylella, e in particolar modo contro le eradicazioni: finalmente anche la Magistratura ha compreso l’importanza strategica di questa battaglia comune per tutelare l’economia olivicola regionale e nazionale”.
Con queste parole il Presidente del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori, Gennaro Sicolo, ha commentato l’ultima pronuncia del Tar di Lecce, pubblicata nei giorni scorsi (N. 00573/2018 REG.PROV.COLL. N. 00693/2017 REG.RIC. del TAR Puglia – Lecce Sezione Terza), su un ricorso mirato all’annullamento di atti che obbligano all’abbattimento di piante infette da Xylella fastidiosa.

La sentenza conferma la piena legittimità della normativa, europea, nazionale e regionale, che impone l’eradicazione delle piante infette e di quelle ospiti nel raggio di 100 metri.

Il Tar di Lecce definisce come « condivisibili » i prinicipi affermati dalla Corte di Giustizia Europea nella sentenza 9 giugno 2016, n. 78/16 (sulla base del superiore “principio di precauzione” e tenuto anche conto del parere dell’EFSA del 6 gennaio 2015), riportando nella sentenza stessa la trascrizione letterale dei punti 71-75 e 80 della stessa pronuncia della Corte di Giustizia Europea.

« Serve massima responsabilità da parte di tutti i protagonisti della vicenda, dalla Regione, che deve accelerare i tempi dei rimborsi e dei reimpianti e che deve selezionare bene i componenti della task force anti xylella, alla Magistratura, dai Comuni, che devono controllare se sui territori vengono eseguite le buone pratiche agricole, agli olivicoltori, che devono collaborare ed eseguire tutti gli interventi previsti per arginare la diffusione del batterio », ha continuato Sicolo.

« È finito il tempo delle chiacchiere e delle dietrologie di tanti parolai, dobbiamo combattere in maniera unitaria questa battaglia nazionale vitale per il futuro dell’olivicoltura pugliese e nazionale », ha concluso il Presidente del CNO.

di C. S.
pubblicato il 19 aprile 2018 in Pensieri e Parole > Associazioni di idee

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!