Anno 15 | 20 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Tutelare le denominazioni di origine attraverso registrazioni riconosciute multilateralmente

L'Italian sounding "è un fenomeno che colpisce duramente i nostri prodotti di qualità, penalizzando l’export" ha affermato Riccardo Ricci Curbastro.  Prosecco, Chianti, Castel del Monte, Soave hanno cercato di sensibilizzare l'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale

Ha chiuso i battenti a Ginevra la mostra dedicata alle indicazioni geografiche italiane, organizzata dal Mipaaf nell’ambito dell'Assemblea Generale dell'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI) e, in vista della conclusione, Federdoc fa il punto sul tema della tutela dei prodotti DOP ed IGP italiani e ribadisce la necessità di un lavoro sinergico tra istituzioni e filiera per proteggere le nostre eccellenze contro ogni tipo di imitazione e contraffazione.       

“Quello dell’italian sounding – spiega Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Federdoc - è un fenomeno che colpisce duramente i nostri prodotti di qualità, penalizzando l’export e di conseguenza tutti quei produttori che ogni giorno lavorano faticosamente per fare delle nostre eccellenze l’espressione del più apprezzato made in Italy nel mondo. Come Paese leader in Europa per numero di denominazioni protette abbiamo quindi il dovere di tenere alta l’attenzione sul fronte della loro tutela in un’ottica multilaterale e, allo stesso tempo, a livello di sistema di registrazione che ne garantisce la protezione legale così come stabilito dall’Atto di Ginevra dell’Accordo di Lisbona. Due diversi piani di lavoro da concretizzare in primis attraverso un lavoro di squadra tra istituzioni e rappresentanti di filiera. E’ questo il motivo – conclude Ricci Curbastro - per cui abbiamo deciso di stare al fianco del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali in questa importante iniziativa che a Ginevra ha celebrato la qualità e l’unicità delle nostre indicazioni geografiche, grazie alla collaborazione di alcuni Consorzi di tutela tra i quali Prosecco DOC, Chianti, Castel del Monte, Soave”.

di C. S.
pubblicato il 05 ottobre 2017 in Pensieri e Parole > Associazioni di idee

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva