Anno 15 | 26 Giugno 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Siccità in Toscana. Dopo lo stato emergenza urgenti interventi per salvare le aziende agricole

Un atto positivo ed auspicato lo stato d’emergenza per la siccità dichiarato quest’oggi con un decreto sottoscritto dal presidente Enrico Rossi che dà mandato ad una task force formata oltre che dalla Regione, dall’Autorità idrica Toscana, le Autorità di bacino distrettuali, dai Comuni e dalle Aziende sanitarie di presentare entro trenta giorni a partire da oggi, un piano straordinario di interventi per mitigare gli effetti della carenza idrica che è già misurabile nei nostri fiumi e nelle nostre riserve idriche.

Già nei mesi scorsi – commenta la Cia Toscana – avevamo segnalato serie problematiche di siccità in Toscana, specialmente nella fascia costiera, a causa delle mancate precipitazioni invernali e primaverili.

«E’ necessario attivare tutte le forme possibili per poter ristornare i danni che stanno subendo le aziende, i maggiori costi e le mancate produzioni – sottolinea il presidente Cia Toscana Luca Brunelli -. Inoltre devono essere trovate forme urgenti per mettere a disposizione acqua alle aziende agricole per le colture più in difficoltà e attivare delle deroghe per affrontare questa fase di emergenza, anche perché stando alle previsioni stagionali si annuncia un perdurare di caldo estivo senza precipitazioni».

Ci trova d’accordo la proposta dell’assessore all’agricoltura Remaschi di cercare di venire incontro con tutti gli strumenti a disposizione alla situazione critica, e dove possibile, con interventi puntuali per utilizzare le risorse in maniera ottimale. In particolare ha detto Remaschi «Indirizzeremo al Governo la richiesta di stato di calamità in deroga». Questo strumento permette di ricomprendere nello stato di calamità le colture assicurabili (Come successe nel 2012 anno di grave siccità).

 

di C. S.
pubblicato il 16 giugno 2017 in Pensieri e Parole > Associazioni di idee

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva